Alcuni artisti della Vallesina uniti contro chi chiede denaro per esporre | Password Magazine
Festival Pergolesi

Gli artisti locali insorgono: "Basta a chi chiede denaro per esporre!"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

Indignati contro chi – autoincensandosi come gallerista, critico o curatore di mostre – chiede denaro agli artisti per esporre le loro opere. Un’usanza purtroppo sempre più diffusa, che rischia di premiare la logica commerciale piuttosto che quella del talento.
E’  la protesta mossa da alcuni artisti della zona  –  Alessandro Tesei (videomaker/fotografo), Arianna Moroni, (fotografo/videomaker), Luca David  (fotografo) e i pittori Andrea Marconi e Juri Lorenzetti – che insieme hanno unito le loro voci per mettere in allerta – attraverso una nota informativa sottoscritta – le Amministrazioni comunali, i giovani artisti e i cittadini, al fine di scoraggiare tale pratica.

“Sta diventando un’usanza comune quella di creare manifestazioni, patrocinate spesso da pubbliche amministrazioni, che si nascondono dietro la scusa di divulgare l’arte e far uscire gli artisti allo scoperto, dando ai comuni mortali la possibilità di ammirare le loro opere – dice la nota – Come in tutte le attività umane, c ‘è sempre chi se ne approfitta, persone che per organizzare qualche evento, farsi belli di fronte ai sempre più ignoranti e disinteressati amministratori, ed intascare qualche euro, si autodefiniscono e si vendono come curatori, critici o galleristi, circuendo ed approfittandosi di ignari e spesso giovani artisti che per esporre nelle loro raffazzonate esibizioni sono costretti a pagare un obolo, più o meno caro”

Un’attività gravissima che, a detta dei cinque artisti, rischia di compromettere il  mondo dell’arte, rovinato proprio da un “modo di agire senza scrupoli, facendo leva sulla buona fede altrui, e che un giovane artista, di tutto ha bisogno, fuorché di uno squalo che lo lodi e lo allisci giusto il tempo necessario a pagare una triste quota d’iscrizione; non verrà mai criticato nella sua arte, perché se paga è dentro, chiunque esso sia e qualunque cosa egli faccia, nei limiti del buon senso comune”. 

Agli artisti o a coloro che vorranno diventarlo, ricordano poi che “il valore delle loro opere si esprime in principio con il costo dei materiali utilizzati per la loro creazione, un pittore la tela o la tavola, i colori, pennelli, lo scultore la materia, gli scalpelli, il fotografo la macchina fotografica, la stampa, ecc… A questo va aggiunto il costo del tempo impiegato per la concezione dell’opera e dell’eventuale percorso che lo ha permesso, la ricerca su se stesso e sul mondo circostante. Tutto questo ha un valore, un valore che, seppure non è da alcuni riconosciuto, esiste”.

Alle Amministrazione comunali va la loro richiesta “di vigilare su chi e come organizza eventi simili schermandosi col patrocinio, e agli artisti, anche ai più giovani e sconosciuti, si ricorda di accettare di esporre al massimo gratis, magari con rimborso spese, se ritengono la manifestazione valevole, perché dove si paga, soprattutto nella piccole realtà di provincia, c’è solo incompetenza e menefreghismo”.

 

 

1 Commento su Gli artisti locali insorgono: "Basta a chi chiede denaro per esporre!"

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.