Gli studenti del Cambi-Serrani pronti a un rientro a scuola in totale sicurezza | Password Magazine
Festival Pergolesi

Gli studenti del Cambi-Serrani pronti a un rientro a scuola in totale sicurezza

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
La dirigente Stefania Signorini

FALCONARA MARITTIMA  – Alla vigilia dell’avvio del nuovo anno scolastico in programma lunedì 14 settembre, la dirigente Stefania Signorini fa il punto sull’Istituto Cambi-Serrani:

 «Tornare sui banchi è fondamentale per alunni, docenti, personale e genitori. Abbiamo lavorato intensamente in queste settimane per rendere le aule ospitali e a norma con le misure anticovid» Sono in corso infatti gli ultimi ritocchi resi necessari per garantire alla comunità scolastica la presenza in sicurezza. Per questo le due scuole superiori di Falconara, l’Istituto Tecnico Economico Serrani e il Liceo Scientifico Cambi, hanno subito alcuni interventi di sistemazione e riorganizzazione. E nell’occasione si è provveduto anche a tinteggiare gli interni creando spazi colorati ad accoglienti anche con nuovi mobili.

A fare il punto è la preside Stefania Signorini, soddisfatta di poter riaprire le porte dei plessi sin dal suono della campanella di lunedì prossimo. «C’è grande attesa – ammette emozionata -. Tornare a scuola è un sinonimo di ritorno alla normalità e consentirà, in particolare agli studenti, di riappropriarsi di quel luogo di crescita e socialità che è la scuola, purtroppo negato in presenza nei difficili mesi di emergenza sanitaria. La didattica a distanza è stata necessaria – aggiunge ancora -. Ma poter tornare con i propri compagni in aula è tutt’altra cosa». 

Come è stato riorganizzato l’Istituto? Quali cambiamenti troveranno gli studenti?  «Abbiamo revisionato ogni singola aula – spiega la dirigente -. I banchi monoposto, di cui gli istituti erano già provvisti, sono stati posizionati a distanza secondo le disposizioni ministeriali e del Governo. Nel frattempo siamo in attesa dell’arrivo di ulteriori banchi di nuova generazione e cioè sedie dotate di ruote e supporto per i libri». Nuovo look anche per le pareti, ma perfino il mobilio è stato ritoccato: «Abbiamo ripitturato gli ingressi e gli ambienti comuni, arredati con pouf divanetti che i ragazzi potranno utilizzare liberamente», racconta, prima di passare alla spiegazione delle modalità di ingresso. «Ciascuno studente sarà sottoposto alla rilevazione della temperatura con appositi termoscanner (procedura non richiesta, ma comunque utile ad avere un polso più sicuro della situazione, ndr). Gli accessi, invece, saranno contingentati e verranno utilizzate tutte le porte delle due scuole con ben 4 entrate distinte al Liceo e due al Serrani.  Per quanto concerne l’orario delle lezioni ci siamo organizzati per i 60 minuti canonici. Sono garantite pulizia, sanificazioni e azioni preventive, in primo luogo negli spazi comuni». 

Un’ultima nota, che la Signorini rivendica con un moto di orgoglio e grande soddisfazione: «Ho rinunciato alla mia presidenza da cui siamo riusciti a ricavare altre due aule.  Ho voluto con fermezza evitare la turnazione con la didattica a distanza e garantire a tutti gli studenti  lezioni in presenza.  Ringrazio la Prof.ssa Arch. Serena Marinelli che ha coadiuvato la direzione per i lavori di adeguamento delle aule e la realizzazione della nuova veste di alcuni spazi e locali dell’Istituto». 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.