Gli studenti di Moie al Quirinale per l’inaugurazione dell’anno scolastico

MOIE – «C’eravamo anche noi!» dichiarano con orgoglio gli alunni che hanno partecipato lunedì 22 settembre a Tutti a scuola, la tradizionale cerimonia di inaugurazione dell’anno scolastico al Cortile d’Onore del Quirinale.

Dorothea Campanelli, Nicolas Rango, Nicolò Buselli, Giulia Nisi della secondaria “Spontini” e Giada Pigliapoco ed Edoardo Gambini Rossano della primaria “M.L.King”, accompagnati dalle insegnanti Maria Antonia Mingo e Alessandra Grizi hanno rappresentato l’Istituto Comprensivo “C. Urbani” di Moie e le scuola marchigiane al Quirinale  con il progetto Il cavaliere Azzurro, selezionato fra i 100 dei 1315  pervenuti da tutta Italia.

Il bando di concorso è stato promosso dal Miur per la realizzazione di progetti didattici creativi (attraverso l’utilizzo della musica, danza, teatro, arte, moda) sui grandi temi della partecipazione degli studenti e delle famiglie alla vita della scuola, dell’educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva, dell’intercultura, dell’integrazione e delle pari opportunità. La manifestazione, trasmessa in diretta su Rai 1, ha evidenziato il ruolo importante della scuola nella formazione dei giovani, ed è stata l’occasione per presentare le iniziative più significative realizzate in tante scuole del Paese su legalità, integrazione, solidarietà, lotta alla discriminazione, scienza, innovazione ed Europa. Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini hanno salutato studenti, insegnanti, famiglie. Presenti il Presidente del Senato Pietro Grasso, la Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini, il Presidente della Corte Costituzionale Giuseppe Tesauro, il Ministro della Difesa Roberta Pinotti, rappresentanti delle Istituzioni, autorità politiche, civili e militari e esponenti del mondo accademico, dello spettacolo, dello sport. La manifestazione, aperta dall’Inno nazionale eseguito dall’Orchestra della RAI e dai musicisti dei Conservatori Italiani, diretta dal Maestro Leonardo De Amicis, è stata condotta da Fabrizio Frizzi che ha presentato diverse iniziative realizzate nelle scuole italiane su Europa, intercultura, integrazione, solidarietà, scienza, legalità e sport.

«Sono molto contento che i nostri ragazzi abbiano avuto l’opportunità di partecipare a questa importante manifestazione –ha dichiarato il dirigente scolastico Nicola Brunetti- Le nostre scuole lavorano da molti anni sui temi proposti dal concorso e questa opportunità gratifica l’impegno di studenti ed insegnanti, ed offre una immagine positiva della scuola che si impegna a costruire ogni giorno il futuro dei nostri giovani.»

Il progetto “Il cavaliere azzurro”, un percorso di continuità fra scuola primaria e secondaria, ha visto coinvolti oltre centocinquanta alunni, fra cui diversi stranieri e diversamente abili, favorendo l’inclusione e l’integrazione di soggetti a rischio emarginazione. «Questo è stato il punto di forza dell’esperienza.- ha spiegato la referente professoressa Mingo – Obiettivi del progetto sono stati l’educazione alla cooperazione, all’autodisciplina, alla consapevolezza di sé attraverso l’arte come educazione. Partendo dalla produzione artistica del grande pittore russo Vasilij Kandinsky, con i suoi codici e i suoi linguaggi,  gli alunni hanno realizzato, in orario curriculare ed axtracurriculare,  un percorso sensoriale all’interno del regno dell’immaterialità, come in un gioco surreale: le linee, le forme geometriche e i colori  hanno preso vita al contatto con la musica. Tutta l’attività svolta è stata un momento di crescita positiva.  Dal punto di vista didattico  gli studenti hanno potuto ampliare le loro conoscenze e potenziare le loro competenze in vari ambiti disciplinari, e il clima che si è creato durante la realizzazione delle scenografie, degli accessori, dei testi, e la  messa in scena della performance ha sicuramente migliorato i rapporti di socializzazione, il rispetto delle opinioni altrui e  rafforzato l’autostima.»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*