Gran Circo Rossini chiude la stagione Lirica: oggi in prima esecuzione assoluta | | Password Magazine
Banner4Baffi

Gran Circo Rossini chiude la stagione Lirica: oggi in prima esecuzione assoluta

JESI – Un ‘giallo storico’ tra lirica e circo, ispirato al testamento di Gioachino Rossini più volte modificato dal compositore. Debutta questa sera al Teatro Pergolesi di Jesi in prima esecuzione assoluta alle ore 20,30, con replica sabato 15 ore 20,30 e domenica 16 dicembre alle ore 16 il “Gran Circo Rossini”,CircOpera di Giacomo Costantini che chiude la 51^ Stagione Lirica di Tradizione 2018 del Teatro Pergolesi di Jesi con la celebrazione dei 150 anni dalla morte del pesarese: una proposta inedita, un punto d’incontro della tradizione operistica italiana con la tradizione musicale del circo per uno spettacolo unico e coinvolgente cui collaborano compositori e artisti di circo, cantanti, strumentisti e un grande danzatore…

Scritta da Giacomo Costantini – che ne è anche il regista – con le musiche di Matteo Salvo e Giuseppe Pitarresi da Gioachino Rossini, l’opera è diretta da Angelo Michele Errico, le scene sono di Benito Leonori, i costumi di Beatrice Giannini, le luci di Marco Scattolini. In scena sono il coreografo e danzatore Giorgio Rossi, e gli artisti Fabiana Ruiz DiazLuca SalataGiulia ArcangeliAlejandro Paredes SapperPaolo LocciGiacomo Costantini e la piccola Nina Costantini. Cantano Andrea Tabili, So Hyun Lee, Katia di Munno, Lucia Conte, Linwei Guo, Eleonora Nota, Carmela Osato, Martina Rinaldi, Luca Giorgini, Anastasia Petrova, Margherita Hibel, Mario Luciano Alboreto Greco, Stefano Gagliardi, Joanna Lewinska, Lucia Conte. Cantanti ed Ensemble orchestrale del “Gran Circo Rossini” sono stati selezionati nell’ambito del corso di formazione professionale per cantante lirico solista e del corso per professore d’orchestra I e II del Progetto Sipario Bis Bis organizzato dalla Fondazione Pergolesi Spontini e finanziato dalla Regione Marche.

Nuova la produzione, della Fondazione Pergolesi Spontini in collaborazione con El Grito Circo Contemporaneo all’antica.

 “Gran Circo Rossini” mette dunque in scena un Rossini anziano che, prima di morire, fa testamento, nominando erede la moglie ed una serie di istituzioni pubbliche, senza dimenticare di lasciare un’importante somma di denaro e tutto il suo antico vestiario al suo fedele cameriere Antonio Scanavini. Il cameriere, che non sa che, nell’ultima stesura del testamento il lascito promesso dal maestro sarà cancellato, decide di diventare impresario e di allestire uno spettacolo circense coi costumi di tutte le opere di Rossini. Alla morte del musicista, si ritroverà povero e indebitato. Ma il buon cuore della vedova del Maestro, Olympe, e il fortunato ritrovamento di una partitura smarrita, metteranno Scanavini in grado di recuperare denaro e vestiti, per lanciarsi a capofitto nel suo Grande Circo Rossini.

 Spiega Giacomo Costantini, regista e autore del CircOpera: “Non fatevi ingannare dal titolo. In Gran Circo Rossini, si parla di morte e di ultime volontà”, quelle appunto del compositore pesarese che diseredò Scanavini dopo averlo beneficato nel suo primo testamento. “Ho immaginato cosa potesse essere successo nell’arco di tempo tra un testo e l’altro. E così, con la scrittura del Gran Circo Rossini mi sono ritrovato a sperimentare nuovamente alcuni limiti del linguaggio circense, spingendolo oltre i suoi paesaggi surreali, astratti, evocativi. Con quest’opera il circo entra a gamba tesa nel racconto. Ma a noi circensi non è stato dato il dono della parola, ci esprimiamo a gesti, a suon di salti mortali. E così al Gran Circo Rossini la parola perde di significato, il testo dei cantanti diventa solo suono, dei versi dei libretti resta solo il fonema. Il linguaggio è il corpo, la grammatica è la musica. Lasciate stare Desdemona, Osiride, Guglielmo Tell, Mosè, il Signor Bruschino. Non siamo nelle opere citate, siamo altrove. Rossini per tutti gli altri sta morendo, per noi si sta trasformando in circo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.