Grande festa a Moie per l'inaugurazione del campo da calcio "Grande Torino" | Password Magazine
Festival Pergolesi

Grande festa a Moie per l’inaugurazione del campo da calcio “Grande Torino"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Tanti giovani, tante autorità e personaggi di spicco dello sport regionale e nazionale, e soprattutto tanta gente, almeno un migliaio di persone, alla festa per l’inaugurazione del campo da calcio “Grande Torino” di Moie.  Il primo nucleo della struttura risale a 30 anni fa “quando alcuni genitori – ha ricordato questa mattina (domenica 16 febbraio), durante la cerimonia di inaugurazione, il sindaco Giancarlo Carbini – sistemarono l’area con sabbia e terra per far giocare i ragazzini del quartiere. Adesso c’è un manto realizzato con materiali completamente naturali, sviluppati con le più  moderne tecnologie”.
L’opera, che comprende anche il raddoppio degli spogliatori e una nuova area esterna per la libera fruizione “come ai nostri tempi, basta venire con un pallone e la voglia di stare insieme”, ha comportato un impegno di spesa di 530.000 euro.
La festa per la consegna dell’impianto, intitolato al “Grande Torino”, alla società Vallesina City, e all ’intera cittadinanza, si è svolta in due giornate. Questa mattina nel campo di via Pesaro, ieri (sabato 15 febbraio) alla biblioteca La Fornace. Le note della canzone di Francesco De Gregori “La leva calcistica del ‘68” hanno fatto da sottofondo all’evento di oggi, in omaggio alle frasi “un giocatore lo vedi dal coraggio, dall’altruismo e dalla fantasia” e “il ragazzo giocherà con la maglia numero sette”, che campeggiano nelle pareti dell’edificio dei nuovi spogliatoi. Ad allietare la cerimonia sono stati anche gli interventi musicali della Banda L’Esina di Moie. Dopo il taglio del nastro e la benedizione del parroco don Fabio Belelli, a prendere possesso del campo, insieme ai cittadini, sono state tutte le squadre del Vallesina City: dai “Piccoli Amici”, ai “Pulcini”, agli “Esordienti”, ai “Giovanissimi”, agli “Allievi”, ai “Juniores”, fino alla prima squadra militante in Prima Categoria. In tutto circa 350 atleti.

Sabato (15 febbraio) la manifestazione ha avuto come cornice la biblioteca La Fornace, per il convegno “Lo sport che educa alla libertà e all’autonomia”, organizzato insieme con la Fondazione Cardinaletti. L’incontro è stato preceduto dalla sottoscrizione da parte del comune di Maiolati Spontini della dichiarazione del Panathlon sull’etica nello sport. A firmarla sono stati il sindaco, il presidente del Panathlon International Club di Jesi, nonchè del Club scherma, Alberto Proietti Mosca, e Gianni Bambozzi, past president del Distretto Italia del Panathlon. ” Questo lo sport che vogliamo – ha detto Carbini – quello che educa e forma i giovani”. Il convegno, presentato da Andrea Cardinaletti, ha visto gli interventi di Vatta, che ha raccontato anche aneddoti legati alla propria attività con grandi del calcio come Michel Platini o Alessandro Del Piero, di Prunelli e di Giovanna De Marco, ricercatrice in Psicologia delle emozioni e della creatività artistica, che ha ribadito l’importanza educativa dello sport.

 

 

Comunicato da: Comune di Maiolati Spontini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.