Gratuito Patrocinio, che cos'è e come fruirne

 

L’AVVOCATO RISPONDE/a cura Avv. Monica Checchini

Nel riprendere questa rubrica – assecondando con estrema gioia le sollecitazioni provenienti da più lettori – e prima di affrontare qualsiasi argomento specifico, ritengo opportuno far sapere a tutti coloro che pensano di non poter tutelare i propri interessi o difendersi da ingiustizie perché privi di mezzi economici che, al ricorrere di determinati requisiti che di seguito elencherò, esiste la possibilità di farsi assistere da un avvocato in maniera totalmente gratuita e a spese dello stato: si tratta del gratuito patrocinio (ovvero Patrocinio a Spese dello Stato).

L’ammissione al beneficio del Gratuito Patrocinio può essere richiesta da tutti alle seguenti condizioni:

1)      NEI GIUDIZI PENALI: chi è indagato, imputato, condannato, persona offesa dal reato, danneggiato che intenda costituirsi parte civile, responsabile civile e civilmente obbligato per la pena pecuniaria. In tali giudizi non può tuttavia essere ammesso al patrocinio a spese dello Stato chi è indagato, imputato o condannato per reati di evasione fiscale, ma solo quando si è indagati o imputati per il medesimo reato, e chi è difeso da più di un avvocato;

2)      NEI GIUDIZI CIVILI: chi è parte nel processo, o intende adire il Giudice, e non sia già stato condannato nel precedente grado del giudizio (nel quale era stata ammesso al patrocinio), salvo l’azione di risarcimento del danno nel processo penale. In tali giudizi non può tuttavia essere ammesso al patrocinio a spese dello Stato chi sostiene ragioni manifestamente infondate e chi è parte in una causa per cessione di crediti e ragioni altrui, quando la cessione non sia in pagamento di crediti preesistenti.

Non può inoltre essere ammesso chi sia stato già condannato, con sentenza passata in giudicato, per reati di mafia (ad es. associazione per delinquere di tipo mafioso) e per alcuni delitti in materia di stupefacenti e contrabbando (ad es. associazione a fine di spaccio di stupefacenti).

3)      QUANTO AL REDDITO:

si deve essere considerati non abbienti (al momento della presentazione della domanda e tale condizione deve permanere per tutta la durata del processo) con una somma dei propri redditi (nel caso in cui si viva da soli) che non deve superare per l’anno 2016 gli 11.528,41 (il limite di reddito viene aggiornato ogni due anni).

Tenete presente che si considerano tutti i redditi imponibili ai fini delle imposte sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) percepiti nell’ultimo anno, come lo stipendio da lavoro dipendente, la pensione, il reddito da lavoro autonomo, ecc. Si tiene conto, inoltre, dei redditi esenti dall’Irpef (es.: pensione di guerra, indennità d’accompagnamento, ecc.), o assoggettati a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta o ad imposta sostitutiva, nonché delle somme ricevute dal richiedente a titolo di liberalità (gratuitamente) ma con carattere continuativo da familiari non conviventi e da terzi. Se si vive vive con la famiglia, i propri redditi si sommano a quelli del coniuge e degli altri familiari conviventi; deve essere sommato anche il reddito dei conviventi non parenti (ad es. convivente more uxorio).

Al contrario, si considera solo il reddito personale dell’interessato quando sono oggetto della causa diritti della personalità, oppure nei processi in cui gli interessi del richiedente sono in conflitto con quelli degli altri componenti il nucleo familiare con lui conviventi (ad es. non si terrà conto del reddito del coniuge nel caso di separazione e/o divorzio oltre che nei procedimenti inerenti i figli).

       In solo ambito penale il limite di reddito è aumento di € 1.032,91 per ogni familiare convivente

Per la determinazione del proprio reddito, e per la verifica del rispetto del tetto di legge ai fini dell’ammissione al Patrocinio a spese dello Stato, non si deve fare riferimento all’Isee, ma al proprio reddito imponibile per come risultante dall’ultima dichiarazione o dal CUD.

Indipendentemente dai limiti di reddito, il recente decreto legge del 20 febbraio 2009 n. 11 (cd. Decreto Antistupro), ha previsto l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato per la costituzione di parte civile delle vittime dei reati di violenza sessuale, atti sessuali con minorenni e violenza sessuale di gruppo (artt. 609-bis, 609-quater e 609-octies del codice penale). La vittima di tali fattispecie di reato avrà quindi accesso al patrocinio a spese dello stato senza dover autocertificare il rispetto dei requisiti reddituali previsti dalla normativa generale (non avrà quindi bisogno di aver un reddito inferiore a euro 11.528,41).

       La maggiorazione al limite reddituale prevista in ambito penale è ammessa anche nella fase precontenziosa civile delle controversie transfrontaliere: tuttavia, in questo caso, il patrocinio a spese dello Stato può essere accordato anche al richiedente che supera il limite se egli dimostra di non poter sostenere le spese processuali a causa della differenza del costo della vita tra lo Stato membro del domicilio o della dimora abituale e quello del Paese dove si terrà il processo o verrà eseguita la sentenza. Tale ammissione non sarà però possibile se il richiedente può disporre nel proprio Paese di altra forma di sostegno per le spese processuali.

Per la modulistica e per maggiori informazioni e/o chiarimenti è possibile contattare il sottoscritto Avv. Monica Checchini (3339923708) inviando una mail a studiochecchini@libero.it o collegandosi al sito dello Studio www.studiolegalechecchini.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*