Gravi carenze di personale per l’assistenza ai disabili nel distretto jesino

JESI – Il Comitato dei Sindaci dell’Ambito sociale di Jesi, nella sua ultima riunione, ha chiesto all’ASUR Marche di intervenire per superare i problemi di carenza di personale dell’UMEE (Unità valutativa multidimensionale età evolutiva) e dell’UMEA (Unità valutativa multidimensionale adulti) del distretto sanitario di Jesi (21 comuni).

L’UMEE e l’UMEA, come è noto, si occupano della valutazione e della presa in carico dei disabili in età evolutiva o adulti che fruiscono dei servizi (assistenza scolastica, assistenza educativa, inserimenti lavorativi, centri diurni, strutture residenziali, ecc). Nel territorio del distretto di Jesi sono circa 450 i disabili che richiedono l’assistenza sociale e sociosanitaria.

In particolare è stato segnalato che da un anno una delle due psicologhe dell’UMEA è andata in pensione e non è stata sostituita e che a breve è previsto il pensionamento di tutte e due le psicologhe dell’UMEE senza che ne sia stato, per ora, prevista la sostituzione. E’ del tutto evidente che senza il personale l’assistenza ai disabili non potrà essere garantita e i tempi di attesa per le valutazioni si allungheranno in modo insopportabile.

Il Comitato dei sindaci dell’Ambito sociale di Jesi condivide, pertanto, l’allarme del Gruppo Solidarietà che per primo ha sollevato il problema.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*