Gravi criticità di personale medico al Carlo Urbani: reparti a rischio chiusura | | Password Magazine
Lulù  

Gravi criticità di personale medico al Carlo Urbani: reparti a rischio chiusura

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Pronto soccorso e reparti sotto organico, mancanza di guardie notturne, personale medico con troppe ore di lavoro extra accumulate e ferie da recuperare: è questa la situazione in cui verte l’ospedale “modello” di Jesi, il più all’avanguardia e tecnologico della zona ma che però presenta gravi criticità di personale medico. Al Pronto Soccorso si lavora in 8 invece che in 12, Chirurgia, Radiodiagnostica e Analisi sono sprovviste di guardia notturna, il personale medico è “polverizzato” tra un presidio e l’altro, con unità trasferite all’improvviso a coprire laddove è maggiore l’urgenza e carichi di lavoro maggiori per quelle che restano. Qualche dirigente medico è arrivato ad accumulare anche 500 di lavoro extra e oltre 60 giorni di ferie ancora da usufruire, contro ogni norma prevista dal CCNL e le linee guida regionali. A denunciare questa situazione è il CIMO, il sindacato dei medici, che ha deciso di inviare un esposto alla Procura della Repubblica e al Prefetto di Ancona, nonché al presidente e assessore alla Sanità Luca Ceriscioli, Dirigenti Asur, Ordine dei Medici, presidenza nazionale del CIMO e compagnie assicurative.

“Negli ospedali di Jesi, Senigallia, Osimo e Fabriano non è stato attivato dalla Direzione sanitaria nessun servizio di Guardia notturna Chirugica nel Dip. Chirurgico, violando la normativa regionale che rende obbligatorio il servizio nella fascia oraria che va dalle ore 20.00 alle 8.00 – spiega il segretario regionale CIMO Marche Dr. Luciano Moretti, leggendo l’esposto – I pazienti ricoverati in Chirurgia pertanto non dispongono attualmente di nemmeno un medico chirurgo durante la notte”.

Nell’esposto, inoltre è indicato che in difformità da quanto previsto dalle Linee Guida Regionali: “si è istituito presso l’ospedale di Jesi, Senigallia, Osimo e Fabriano  una guardia notturna del Dipartimento Medico a carico di uno o due medici dell’Ambulatori del Pronto Soccorso invece che impiegare all’occorrenza un medico dedicato della Medicina d’Urgenza”. E questo va a peggiore la già difficile situazione del Pronto Soccorso: “Non vengono effettuate nei tempi corretti le procedure consensuali e le sostituzioni dei medici andati in pensione o trasferiti del Pronto Soccorso degli ospedali di Jesi, Senigallia, Osimo e Fabriano – si apprende dal documento – Per cui per carenza di organico, violando le norme sulla mobilità, vengono trasferiti in mobilità due medici del Pronto Soccorso di Senigallia a Jesi – uno con contratto a tempo determinato e l’altro a progetto –  caricando di lavoro coloro che restano”.

A denunciare la situazione jesina è anche il reumatologo jesino Ferdinando Silveri, responsabile Cimo di Jesi: «Ci sono gravi carenze di organico in alcuni reparti che, a pioggia, ricadono poi su altri mandando in tilt tutto il sistema. Il personale è costretto a non effettuare ferie e riposi”. Preoccupa il reparto di Pneumologia che sta scomparendo, con la conversione di 10 posti letti per acuti a post acuti e la presenza di solo due unità mediche rimaste su cinque e per giunta senza un direttore: “A Pediatria, recentemente una nuova assunzione aveva permesso al personale di tirare un po’ il fiato ma, dopo soli 11 giorni dal suo arrivo, la nuova unità medica è stata trasferita a Fabriano – spiega Silveri –  Siamo arrivati al punto che nessuno può ammalarsi o mette in difficoltà tutto il sistema. Si cerca di tirare avanti, anche in queste condizioni, perché crediamo nella professione”.

Tuttavia i rischi sono dietro l’angolo: “Queste situazioni non solo determinano una grave elusione delle norme del CCNL e delle Linee Guida Regionali – denuncia Moretti – ma espone a gravi rischi la cittadinanza e a pesanti responsabilità di natura penare, civile e assicurativa i medici e, se sottoposti a richiesta di risarcimento, comportano un dispendio di risorse economiche in caso di contenzioso e di condanna dell’Asur, con ulteriori danni erariali. Dato che tali procedure non sono a norma, la Cimo chiede alle istituzioni politiche e amministrative di valutare questa situazione che, a lungo andare, può esporre a rischi la popolazione, nell’ottica di prevenire danni prima ancora che si verifichino”.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.