Gregori (Forza Italia): «Puntare sulle bellezze storiche e archeologiche per incrementare il turismo» | | Password Magazine

Gregori (Forza Italia): «Puntare sulle bellezze storiche e archeologiche per incrementare il turismo»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
La Cisterna romana a Jesi

JESI – «Nella nostra magnifica città non c’è un affaccio non c’è uno scorcio del centro storico che non susciti bellezza». Così la consigliera comunale di Forza Italia Silvia Gregori che parla di Jesi come «un gioiello incastonato tra i castelli vicini.

«Ovvio che una città che punti al Turismo deve offrire anche servizi essenziali come marciapiedi e strade in buono stato e decoro urbano – dice la Gregori – E quindi in attesa come indicato da questa Amministrazione, che grazie alla modifica sulla legge di bilancio
per i Comuni, verranno utilizzati in fondi in più per questo scopo , si può però fare un viaggio virtuale  insieme per chi ama la storia e i reperti archeologici sulla Jesi del futuro».

Una Jesi che fonde storia , turismo, e management:  «La splendida cisterna romana ad esempio a aspetta solo di essere riportata al suo splendore e offerta agli occhi dei numerosi visitatori che indubbiamente attirerebbe. Un reperto importantissimo ma ancora ancorato al suo recupero – continua la Gregori – Ma abbiamo una realtà ben più grande e che riportata alla luce potrebbe portare lavoro e ricchezza nelle casse del comune.
La Jesi sotterranea, la nostra città ha infatti sotto di essa km e km di gallerie scavate che sbucano dal centro al viale della vittoria e ancora più in là , immaginiamo come per le grotte di Camerano, cosa significherebbe avere un contesto storico di questa portata, recuperato e aperto al pubblico.
Indubbiamente una location unica, emozionale, suggestiva, che riportando come esempio Camerano, ha portato nelle casse del comune in un solo anno una somma come 300 mila euro. Certo indubbiamente costoso, ma non del tutto irrealizzabile. Grazie infatti al contributo dell’ex Presidente della Commissione Europea Antonio Tajani i comuni possono chiedere direttamente finanziamenti all’Europa anche per il recupero storico e culturale della città e per finanziare progetti di scavo archeologico. Jesi tra l’altro ha da diversi anni un ufficio che segue proprio l’accesso ai finanziamenti della Comunità Europea.  Va tristemente ricordato che L’italia è tra i pochi paesi che paga più tasse e accede molto poco a questi finanziamenti, le ragioni ovviamente sono diverse ma questa arretratezza produce poi la mancanza di realizzazione di progetti importanti come questi. Deve in ogni caso essere riconosciuto il merito a questa amministrazione di aver portato più turisti, e anche
l’accoglimento da parte di tutti della mozione da me presentata sulla Biblioteca Planettiana, come futura location di manifestazioni ed eventi con lo scopo di renderla fruibile a molti se non a tutti, conferma questa direzione. E allora forse non ci resta solo che sognare ma anche puntare su un futuro non troppo lontano».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.