Gregori (Lega): «Mai più fascismi e mai più totalitarismi» | | Password Magazine

Gregori (Lega): «Mai più fascismi e mai più totalitarismi»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La consigliera Lega Silvia Gregori ha appreso con “stupore misto a rabbia e stanchezza” la notizia dell’interpellanza presentata dal gruppo consiliare Jesi in Comune e Laboratorio Sinistra circa la minaccia proveniente alla Democrazia dal Fascismo. «Questa “minaccia” viene avvertita ancora viva e pulsante anche nella nostra città, pur mancandone i segni tangibili. Forse allora si tratta solo delle mere allucinazioni di alcuni facinorosi (sempre gli stessi)  che collocano la loro Democrazia laddove inizia e finisce il loro pensiero, reputando nemici coloro che la pensano diversamente – scrive la Gregori in una nota stampa – Ma cosa significa Fascismo, definito da molti autori come “la violenza e la prevaricazione che nasce dal mero arbitro”: da ciò credo che questi “esuberanti giovanotti e giovani donne”  non siano tutti a destra. Ma non si è “fascisti” se si impedisce il normale esercizio della Democrazia di chi la pensa diversamente da noi, con cori e insulti  di fronte a persone inermi , che hanno la sola colpa di avere un credo politico diverso richiamando un periodo ormai lasciato alle spalle?» .

E aggiunge: «Premesso che sono convinta che vadano condannati tutti i totalitarismi,  è importante sottolineare che i crimini del comunismo non sono mai stati sottoposti ad una valutazione legittima né moralmente né da parte della storia in confronto alla grande quantità di storicismi e approfondimenti sul nazismo, un argomento sicuramente ancora poco conosciuto nella sua ampiezza ma che ha creato però 100 milioni di morti nel mondo, una cifra ragguardevole  che dovrebbe far impallidire al solo pensiero. A tale questione mi vengono in mente i Gulag che la scrittrice statunitense  Anne Aplebaum e successivamente  Stèphane Courtois  nel suo libro intitolato “Libro nero del Comunismo”  definisce secondo le testimonianze dei sopravvissuti come “Tritacarne” dove , in maniera stringata, l’individuo, pur non colpevole veniva dal suo arresto privato di ogni diritto, attraverso un processo farsa a cui seguiva un immancabile condanna  e  dove  si sono perse le traccia di milioni di donne e bambini separati dalle loro famiglie tra campi di destinazioni  e orfanotrofi , con viaggi all’estremo delle forze e della dignità umana. Un mondo di gerarchie sempre mutevoli (bastava disonorare il pensiero partitico) non scritte  ma conformanti a quel dannato mondo!! A maggior ragione credo che un banchetto di Forza Nuova, come quello fatto sabato nel pieno diritto di una normale occupazione del suolo o quelli della Lega fatti in precedenza , sempre contestati (con tanto di testimoni e filmati) non possano costituire un Reale Pericolo! La gente ha bisogno di soluzioni concrete ai problemi legati al lavoro, all’emergenza povertà, alla sicurezza per citarne alcune non di rispolverare vecchie ideologie e ingaggiare una lotta alle streghe!! Che ci sia stata una presa di coscienza  in vista delle prossime politiche di un quanto mai eventuale flop? O mancanza di argomentazioni , dato che in più occasioni come ci segnalano alcuni cittadini vengono riprese con interpellanze , argomenti trattati dalla  Lega, vedasi in ultimo  il Canile di Jesi».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.