Gregori (LN): “Criminali agiscono indisturbati mentre lo Stato accoglie e non espelle”

Silvia Gregori, Lega Nord

JESI – Vergognoso e preoccupante il clima di efferatezze senza freno da parte di alcuni extra comunitari nei confronti di controllori sui treni, carabinieri e agenti in divisa mentre svolgono il proprio lavoro “soprattutto perché nessun Politico, a parte la lega Nord, ha portato attenzione su questo fenomeno sociale come lo definirei, che sta crescendo”. Così tuona Silvia Gregori consigliere comunale Lega Nord in una nota stampa: “Il Governo è già ostaggio di questi invasori sempre in numero crescente, che per paura che facciano sommosse davanti a una seria repressione  di questi fenomeni, umilia le forze dell’ordine come se chi fa questo mestiere debba mettere in conto come cosa assolutamente normale, farsi accoltellare, amputare braccia, morsicare da queste persone, dando prova che lo Stato ha più interesse ad incassare denaro con queste risorse che a far rispettare la legge!”.

Secondo la Gregori, negli altri paesi chi commettesse atti simili finirebbe nelle patrie galere “ma in Italia NO, qui la legge non esiste e il Governo invece che reprimere ed espellere accoglie senza fine, senza fare distinzione tra chi ha diritto a restare e chi no!”

A preoccupare la consigliera jesina della Lega Nord è che “questa deriva totale e mancanza assoluta di qualsiasi timore  nei confronti delle forze dell’ordine sta dando vita ad un effetto boomerang, a una vera emulazione”. Dunque è ora di suonare il campanello per lanciare un allarme “prima che sia troppo tardi. Il Governo si deve interrogare seriamente su questo fenomeno che non è isolato ma che si distribuisce a macchia d’olio anche in tutte le periferie delle nostre città”.

La Gregori fa poi riferimento ai fatti di cronaca dello scorso week end, quando a Jesi un cittadino  somalo ubriaco  ha assalito, con alle spalle altri connazionali, due carabinieri  che erano lì per calmarlo dopo l’incidente accaduto:  “Immagino che qualcuno risponderà subito dicendo “sì, ma era ubriaco povero ragazzo”  o qualsiasi altra attenuante – commenta la Gregori – Non credo sia l’alcol il problema ma l’immagine che stiamo dando di un Paese dove commettere reati di ogni tipo è possibile e dove non si paga pena ma anzi si gira indisturbati! Come coordinatore e Consigliere comunale  Lega Nord invito tutti i cittadini a segnalarci sulla nostra pagina FB le loro testimonianze su fatti e episodi di questo tipo  che molto spesso vengono ignorati e  per cui non viene neanche richiesto l’intervento delle forze dell’ordine”. E conclude: “E’ importante per sottolineare anche se ce ne fosse bisogno l’urgenza da parte dell’Amministrazione Comunale di prendere misure Concrete”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*