Guarito dal Covid, Emanuele Pascucci ospite in Consiglio comunale | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Guarito dal Covid, Emanuele Pascucci ospite in Consiglio comunale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Incertezza e paura di morire sono state le sensazioni che ho provato in quei giorni». Così  Emanuele Pascucci, manager ed ex giocatore della Jesina, racconta la sua battaglia vinta contro il coronavirus. Il suo ritorno a casa era stato documentato dalla figlia che aveva pubblicato poi il video sui social. Una storia raccontata anche da Pomeriggio Cinque di Barbara D’Urso ed oggi ascoltata dai consiglieri comunali durante lo spazio riservato alle comunicazioni del presidente Daniele Massaccesi.

«Il mio calvario è iniziato il 13 marzo, con i primi sintomi e una febbre a 39 e più che non passava mai –  ricorda -. Dopo una settimana di cure che non funzionavano ho iniziato a prendere in considerazione l’ipotesi del virus. C’erano infatti due circostanze in cui potevo averlo contratto. Qualche settimana prima ero stato in Lombardia per una riunione di lavoro ed un collega era risultato positivo. Poi, l’8 marzo c’era stato un pranzo di famiglia ed era capitato che alcuni parenti erano stati in ospedale per vari motivi».

A quel punto, Emanuele ripensa ad un avvertimento che oggi ancora definisce salvavita: «Mi era stato consigliato di non arrivare con i polmoni compromessi in ospedale. Sapevo che la malattia avanzava velocemente, perciò in quei giorni tenevo sotto controllo l’ossigenazione del sangue con un saturimetro».

Subito il 51enne si trova a fare i conti con uno stato generale di impreparazione davanti al crescere del numero dei contagi: «Non ne faccio una colpa a nessuno, la malattia non si conosceva – spiega -. Il 20 marzo la mia condizione peggiora. La saturazione scende e così decido di andare in ospedale per fare una lastra urgente al torace. Sono andato da solo, guidando l’auto con 39,5 di febbre. A quel punto decidono di ricoverarmi». Emanuele arriva in reparto, è tranquillo e pensa di aver preso il virus in tempo e di essere fuori pericolo. Invece, nei giorni successivi le sue condizioni peggiorano e viene trasferito in terapia subintensiva dove affronta le cure con paura e dolore: «Non percepivo l’aggravamento dei sintomi e questo mi preoccupava – ricorda -. Cosa stava succedendo? Avevo davvero paura di morire. Tutto era incerto». All’ex giocatore viene fatto indossare il casco che lo costringe a vivere in isolamento, immerso in un rumore continuo: non può dormire, mangia con una cannuccia, non può comunicare con l’esterno. «Lo staff medico mi propone allora una cura sperimentale a base di Tocilizumab. Accetto, anche se percepisco che in tutto questo non c’erano appigli sicuri».

Dopo nove giorni le sue condizioni di salute migliorano e Pascucci torna in reparto: «Sono uscito il 6 aprile, con 10 chili in meno – racconta -. Sono davvero grato a tutto il personale sanitario, sempre presente e professionale. Medici e infermieri per me sono stati veri angeli ed eroi: è vero, stavano facendo il loro lavoro ma in quei giorni, credetemi, l’ospedale non era lo stesso di tutti giorni. E chi vi prestava servizio, in quelle condizioni estreme, merita davvero questo titolo». Emanuele da tutto questo ha conservato una lezione importante: «Ho rimodulato le priorità della mia vita, ho imparato ad apprezzare il valore del tempo e degli affetti. Perché in quei giorni mi sono davvero sentito come recita una poesia di Ungaretti: Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.