Guarisce dal covid, i figli: «Papà Gildo, 76 anni, ha vinto la battaglia» | | Password Magazine

Guarisce dal covid, i figli: «Papà Gildo, 76 anni, ha vinto la battaglia»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Gildo Ciaffoni (fotosam)

CASTELBELLINO – Rientro a casa per Gildo Ciaffoni dopo aver vinto la battaglia contro il coronavirus. Papà di Olga e Samuele, noto fotografo e titolare dello studio FotoSam di Castelbellino, mercoledì il 76enne ha potuto finalmente rivedere i suoi affetti, dopo essere stato dimesso dall’ospedale. Ad aspettarlo con gioia fuori casa, la famiglia e i dipendenti del negozio che hanno ripreso tutta la scena in un video. Gildo è sceso da solo dall’ambulanza, ha salutato con una mano, poi ha portato l’altra alla testa: tante emozioni forti. Sono passate tre settimane da quel 23 marzo, giorno in cui era stato ricoverato.

«La forza, il coraggio e la determinazione che da sempre sono dentro di te ti hanno aiutato a vincere questa battaglia, papà»: scrive il figlio Samuele Ciaffoni sulla sua bacheca social, rendendo pubblico il video che ha subito scatenato centinaia di like e parole di vicinanza da tutta la comunità. Ora il peggio è passato ma il ricordo va ancora ai giorni difficili appena trascorsi:  «La parte più dura è stato affrontare la distanza – racconta il fotografo  – . In quei momenti, insieme a mia madre e a mia sorella Olga avremmo voluto essere lì con lui per confortarlo, dargli supporto. Invece, ci sentivamo con le mani legate, impotenti. Potevamo solo scambiare con lui qualche parola in videochiamata, aspettando e sperando che tutto andasse per il meglio».  Gildo tutt’oggi non sa spiegarsi come sia avvenuto il contagio: «Eravamo abituati a seguire le notizie alla televisione, mai avremmo immaginato di vivere questa esperienza in prima persona. Eppure è successo – continua Samuele -. Ha iniziato ad avere tosse e febbre, poi è arrivato un forte senso di affaticamento. A quel punto, abbiamo deciso di accompagnarlo in ospedale». Lastre e tampone hanno confermato la diagnosi: coronavirus. «Eravamo preoccupati – continua il fotografo di Castelbellino -. Per quattro giorni, ha dovuto portare il casco respiratore ininterrottamente. Ricoverato al reparto covid, è stato tenuto costantemente sotto osservazione e, per fortuna, le sue condizioni non si sono aggravate». Gildo, ex fotografo in pensione, non era abituato a tanto isolamento: «In quei momenti ha guardato la morte in faccia. Ha ripensato ai suoi affetti, ai nipoti, al desiderio di riabbracciare tutti. Forse questo gli ha dato quel coraggio per affrontare tutto con positività – continua Samuele -. La nostra famiglia sarà per sempre grata ai medici, agli infermieri e a tutto il personale sanitario del Carlo Urbani di Jesi che con professionalità, competenza e umanità si sono presi cura di nostro padre». Una storia con un lieto fine che sa di speranza: «In questo momento così difficile, dobbiamo restare forti e positivi – conclude -. Questo virus lo sconfiggeremo». (c.c.)

🎉🎉🎉Grande Babbo!🎉🎉🎉 La forza, il coraggio e la determinazione che da sempre sono dentro di te ti ha aiutato a vincere questa battaglia !!!!💪💪💪Sai, anche per noi sono stati momenti difficili: è stata dura restare lontani, senza poterti trasmettere un po’ di energia! Per questo vogliamo ringraziare tutte le persone che in questi giorni non ci hanno fatto mancare la loro positività🤞🤞🤞E soprattutto i medici, gli infermieri e tutta la squadra dell’ospedale Carlo Urbani di Jesi: grazie per la vostra competenza, per la vostra professionalità, per la vostra umanità. Ve ne saremo eternamente grati. 💔💔Grande super Gildoooooo !!!!!🥇🥇🥇🥇

Pubblicato da Samuele Ciaffoni su Giovedì 16 aprile 2020

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.