Guarito dal virus: «Sono vivo per miracolo». | | Password Magazine

Guarito dal virus: «Sono vivo per miracolo».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Box Terapia intensiva
Box di terapia intensiva al Carlo Urbani di Jesi. Immagine di repertorio

MONTE ROBERTO – «Sono guarito per miracolo».  É ancora emozionato nel raccontarlo Gabriele Marasca, scampato alla morte dopo il coma e un mese di ricovero al Carlo Urbani di Jesi. Anche lui, 59 anni, noto avvocato di Jesi ed ex vice sindaco di Monte Roberto, attuale presidente della Fondazione Serafino Salvati, ha combattuto e sconfitto il covid. Lasciato il peggio alle spalle, qualche giorno fa è rientrato a casa, a Pianello Vallesina, e qui sta recuperando le forze circondato dall’affetto dei suoi cari.
«É stata un’esperienza devastante – racconta -. Un vero incubo iniziato il 20 marzo, quando sono stato ricoverato in ospedale».

L’avv. Gabriele Marasca
L’avv. Gabriele Marasca

Marasca, come si è accorto di stare male?
«La malattia si è manifestata con i primi colpi di tosse, cui è seguita qualche giorno dopo la febbre a 37,5. Ho iniziato ad avere i primi sospetti così mi sono rivolto al medico di famiglia che mi ha prontamente consigliato di effettuare una lastra. Il 20 marzo faccio l’esame e i medici notano subito che c’è qualche problema e decidono di trattenermi».
Come ha contratto il virus?
«Difficile saperlo con certezza. Probabile che il contagio sia avvenuto durante il lavoro: ricordo di aver sostenuto udienze in tribunale fino agli ultimi giorni prima dell’emergenza».
Una volta in ospedale poi che è successo?
«Le mie condizioni sono peggiorate e il 24 marzo sono entrato in coma naturale e poi farmacologico. Non ricordo nulla di come sia successo. Ogni giorno, dal reparto i medici chiamavano mia moglie avvertendo la famiglia di prepararsi al peggio. Dicevano che la situazione era stabile ma che non dovevano farsi illusioni. La mia vita era appesa a un filo, avevo già un piede nell’aldilà».
Poi qualcosa cambia.
«Mi risveglio dal coma, nel mio letto di terapia intensiva. L’incubo però non è ancora finito. Stavo ancora molto male e ho iniziato a pensare di non farcela. Una sera ho chiamato un’infermiera perché sentivo di essere allo stremo delle forze. Le ho detto: ‘Io stanotte muoio’. Lei mi si è seduta accanto e, accarezzandomi la mano, è rimasta con me. Mi ripeteva: ‘Non andartene’. Non so come ma poi è avvenuto il miracolo».
Cioè?
«Dopo quel giorno i miei parametri hanno iniziato lentamente a migliorare. Nessuno lo credeva possibile, io stesso mi sono sentito a un passo dalla morte».
Il 20 aprile però è poi tornato a casa.
«Sto ancora recuperando le forze ma mi sento fortunato per come è andata. So di persone ricoverate nello stesso reparto, coetanei, che non ce l’hanno fatta. Oggi i miei orizzonti sono completamente cambiati, anche le piccole cose della vita hanno una luce diversa. Sono preoccupato per chi continua a dire che questo virus sia una montatura, che il rischio di contrarlo sia minimo. Non lo è affatto. Ringrazio i medici e paramedici dei reparti di Rianimazione e covid 19 di Jesi per avermi salvato la vita, con professionalità e tanta, tantissima, umanità. Sono stati eccezionali».
Ha paura di questa Fase 2 che stiamo vivendo?
«Ho sentito molte lamentele sulle misure anticontagio ma pochi sanno cosa significa essere attaccato ai tubi. Credo che per affrontare questo periodo di riapertura ci voglia tanta prudenza e attenzione. E sopratutto rispetto per la salute non solo propria ma anche per quella degli altri».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.