Guarito il sindaco di Santa Maria Nuova: «Sconfitto il virus ora si guarda avanti» | Password Magazine

Guarito il sindaco di Santa Maria Nuova: «Sconfitto il virus ora si guarda avanti»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

SANTA MARIA NUOVA – Rientro a casa per il sindaco di Santa Maria Nuova Alfredo Cesarini, 69 anni, ricoverato dal 20 marzo scorso al Carlo Urbani di Jesi per il covid. Martedì, a bordo di un’ambulanza della Croce Gialla, il primo cittadino ha lasciato il nosocomio jesino per tornare tra le mura domestiche, dopo 27 giorni di positività e quasi venti giorni in ospedale.

«Sono stati giorni duri, difficili, carichi di tensioni fisiche e psicologiche. Ma ora è tempo di guardare avanti e di riprendersi la vita» racconta il sindaco sui social. Prima del contagio, Cesarini aveva rinunciato alla sua dose di vaccino come atto da amore per la comunità, seguendo l’esempio del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. «Una scelta che rifarei – dice  – anche se ho messo a rischio la mia vita».

Il ricovero. Dopo un peggioramento dei sintomi, Cesarini finisce al Pronto soccorso dove trascorre il primo giorno e una lunga nottata in una camera condivisa con un 30enne con il casco di respirazione forzata. «È stato un incubo, ancora mi perseguita. I rumori del respiratore, le sofferenze ed i lamenti di quel giovane mi sono rimasti dentro. Credo di essere abbastanza forte perché la vita di dolori e accadimenti negativi me ne ha già dati, ma questa situazione mi ha colpito nel profondo come nessun’altra. La prima settimana di ricovero è stata terribile. Ho temuto per la mia vita ed ho avuto veramente paura di non farcela». Il sindaco descrive il virus come una roulette russa: «Non sai cosa può accaderti domani e questo è destabilizzante, credo per chiunque».

Il vaccino ceduto per amore della comunità. Nei primi mesi di marzo, erano partite le vaccinazioni alla Casa di Riposo-Residenza Protetta: «Era avanzata una dose – racconta il sindaco Cesarini -. L’Asur ha chiesto a chi poter destinare questo vaccino e, fra le persone individuate, è spuntato fuori il mio nome in qualità di sindaco». Il vaccino avrebbe permesso al primo cittadino di incontrare gli ospiti della Casa di Riposo, dopo un anno senza visite per ragioni legati alla sicurezza: «Ho preferito non accettare quella dose. Non era giusto lo facessi io, visto che nessuna disposizione legislativa metteva il sindaco fra le persone da vaccinare. Non volevo essere additato come privilegiato né tantomeno considerato ‘della casta’. Così ho deciso di attendere il mio turno, seguendo l’esempio del presidente della Repubblica Sergio Mattarella». Un gesto che rifarebbe, senza pensarci.

Il rientro a casa. Martedì 6 aprile il sindaco viene dimesso dall’ospedale. «Finalmente la luce si è accesa – racconta -. Nel mezzo di tutta questa mia storia ci sono loro: medici, infermieri, oss… gli angeli custodi terreni che si sono presi cura di me. Persone straordinarie che mi hanno curato e che hanno cercato in ogni modo di alleviare lo smarrimento dovuto alla malattia e all’isolamento forzato». Professionisti che ogni giorno mettono cuore e anima per donare serenità ai loro pazienti: «Mi sono sentito veramente assistito dal punto di vista sanitario ma anche  umano e psicologico. Alle 5 di mattino iniziavano gli esami e la sveglia era talvolta una carezza con parole di incoraggiamento». E poi i ringraziamenti: Grazie al dottor Mauro Brecciaroli che ha seguito tutta la mia famiglia con attenzione e professionalità e che a tempo giusto ha deciso il mio ricovero; ai medici dell’USCA sempre presenti nella assistenza a casa; ai sanitari dell’ospedale, del Pronto Soccorso e soprattutto del reparto Covid-3, diretto dal dottor Candela». E infine aggiunge: «Mi auguro che la proposta per il Nobel al nostro personale sanitario nazionale vada a buon fine perché meritato. Donne e uomini chiusi nei loro ‘scafandri’ bianchi per tutto il tempo e che, a fine turno, arrivano stanchi e stremati. A tutti loro posso dire solo grazie, siete stati eccezionali».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.