Homeland - Caccia alla spia | Password Magazine
Festival Pergolesi

Homeland – Caccia alla spia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Nicholas Body, un agente della marina statunitense scomparso durante la guerra in Iraq, viene liberato dopo otto anni di prigionia. Tornato in patria viene omaggiato come eroe di guerra e in breve tempo riceve molti mandati governativi e popolarità. Carrie Mathison, un’analista della CIA, è l’unica a credere che in realtà egli rappresenti una seria minaccia per il Paese: identifica infatti in Brody uno sconosciuto prigioniero di guerra americano che ha saputo essersi convertito all’Islam ed essere passato al servizio di al-Quaida.

E’ questa la trama di Homeland, una serie uscita negli USA nel 2011 e in Italia nel 2012, prodotta dalla ShowTime, la major di produzioni televisive. La serie, vincitrice di 5 Golden Globe, è uno di quei prodotti ai quali basta una manciata di frame per farci capire che stiamo per assistere ad un piccolo grande capolavoro.

Incredibilmente avvincente, assolutamente emozionante e profondamente ancorato alla realtà – o almeno ad una certa realtà politica e sociale – “Homeland” conquista lo spettatore per la sua carica di verità e ne stimola la riflessione. Chi è il nemico? chi sono davvero i “terroristi”? Ovviamente quando sentiamo questa parola pensiamo a paesi lontani, magari islamici, gente povera e corrotta. Ma se il vero terrorismo (com’è poi nella realtà) esistesse nella mente di ognuno di noi? Se un domani il nostro amico, il nostro mito e idolo si dimostrasse invece il nemico più atroce? Tutte queste domande non vengono poste allo spettatore, ma è egli stesso che arriva a porle in un ragionamento visivo, oltre che mentale, che fa di questa serie una delle migliori in circolazione.

Giuseppe De Lauri

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.