Hotel Federico II in liquidazione, Bacci: «Salvaguardare lavoratori e struttura» | Password Magazine

Hotel Federico II in liquidazione, Bacci: «Salvaguardare lavoratori e struttura»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – L’Hotel Federico II è in liquidazione. Lo fa sapere in una nota stampa la Filcams Cgil Ancona che sta avviando la mobilitazione del lavoratori, convocati in assemblea per mercoledì prossimo, e chiede la convocazione di un tavolo regionale da parte dell’assessorato al Lavoro per scongiurare «un disastro sociale e lavorativo in un momento già particolarmente complicato».

La priorità è dunque salvaguardare il quattro stelle jesino che, tra le strutture alberghiere più importanti delle Marche, oggi conta 50 dipendenti.

«La messa in liquidazione dell’Hotel Federico II è una notizia che certamente preoccupa per i gravi effetti che ne conseguono». Così il sindaco Massimo Bacci che continua: «Accolgo pertanto volentieri la richiesta che mi è giunta dalle organizzazioni sindacali di partecipare ad un tavolo regionale che ritengo assolutamente indispensabile e dove auspico possa essere avviato un percorso che, innanzitutto, provi a salvaguardare l’occupazione di dipendenti e collaboratori dell’attività ricettiva. Sarà importante capire se vi possono essere proposte per una cessione aziendale o alternative comunque valide per non disperdere una struttura che, oltre ad aver accompagnato la storia di Jesi per quasi 40 anni, è in una posizione strategica  regionale e dunque certamente appetibile.

Di certo non perdo di vista il fatto che in questi mesi si sono registrati due nuove situazioni dirompenti per il territorio che hanno interessato quello che era il Gruppo Pieralisi di cui l’Hotel Federico II ne ha fatto parte: il passaggio della maggioranza delle quote dell’azienda principale, la Pieralisi Maip, con conseguente separazione delle altre attività e la successiva scomparsa dell’ing. Gennaro Pieralisi che di quel Gruppo è stato l’artefice e il riferimento unico e costante.

Per questo è auspicabile che da parte di coloro che sono chiamati a dare continuità alle altre realtà aziendali di famiglia vi siano chiare e inequivocabili parole che possano fornire assicurazioni ai lavoratori e al territorio».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.