I 60 anni di storia di Dottori a Moie. Imelda: «Il cinema un omaggio al paese»

Imelda Dottori

MOIE – Centro Moda Dottori festeggia i 60 anni di storia. Uno dei più antichi negozi di Moie raggiunge l’ambito traguardo, celebrato dalla storica proprietaria Imelda. Fu lei ad ereditare l’attività avviata dai genitori Elda e Mario che, a loro volta, costruirono un’importante realtà sulle basi del negozio avviato già dal nonno, nel 1938. Un locale che, negli anni della Guerra, divenne un vero e proprio punto in riferimento in paese, dove si poteva acquistare di tutto, anche le sementi. La svolta è avvenuta negli anni ’60 quando i Dottori iniziarono per primi, in Vallesina, ad introdurre i vestiti confezionati per uomo, donna e bambino:  «Il negozio si trovava sempre in via Risorgimento ma vicino l’Abbazia Santa Maria – racconta Imelda -. Ho sempre viaggiato molto e, visitando le grandi città, ho potuto osservare e imparare, prendendo spunti per la nostra attività. Sono stata io a portare in Vallesina le pellicce sintetiche, che non si conoscevano. E abbiamo iniziato a puntare all’estetica, alla cura delle vetrine e degli allestimenti: io stessa ricevetti dei riconoscimenti come vetrinista più giovane d’Italia». Molti i clienti che iniziarono ad arrivare dai paesi limitrofi e da Jesi. Per Imelda, negli anni, è arrivato anche l’Ercole d’Oro per l’impegno e la qualità. Ma la storia dei Dottori è legata anche quella del cinema di Moie, fondato nel 1955 e oggi diventato Nuovo Ariston.  «All’inaugurazione c’erano 1000 spettatori – ricorda Imelda – Le sale sono sempre state piene: a Moie, andare al cinema la domenica divenne una moda». Gli spazi dell’Ariston erano anche punto di ritrovo, di socializzazione, un centro dove poter fare spettacoli con Imelda lanciata anche nell’attività di presentatrice, la prima a Moie.

Il cinema Ariston negli anni ’60

Mario Dottori introdusse il cinemascope quando ancora le pellicole erano in bianco e nero: lo schermo a colori e le più sofisticate tecnologie attiravano a Moie una grande quantità di pubblico. Poi nel 1982, anche il negozio si trasferisce nei locali al fianco al cinema, diventando il Centro Moda Dottori, con ben dieci vetrine: «Anche il cinema negli ultimi tempi ha subito una trasformazione: grazie all’intervento di mio figlio Lorenzo, è stato completamente ristrutturato e dotato di nuove tecnologie, compreso il digital Dolby, e 375 posti – racconta Imelda -. I figli hanno scelto però di non seguire le orme dei genitori e di intraprendere altre carriere: per questo sia il cinema che il negozio proseguiranno finché ne avrò le forze. Continuerò a mantenere il cinema a Moie, un omaggio al paese per cui ho dato tanto. Infondo, è la passione a muovere il mondo».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*