I misteri dei Sibillini in un documentario realizzato dallo jesino Matteo Fiordelmondo

JESI – I Monti Sibillini sono da sempre una delle bellezze più amate e visitate di tutta la regione Marche. Incantevoli paesaggi da visitare e fotografare che nascondono da anni molti misteri e leggende e proprio di questo parla il documentario realizzato, tra gli altri, dallo jesino Matteo Fiordelmondo. Ex studente all’Accademia delle Belli Arti di Macerata, è stato affiancato alla regia da Simona Pagano, ascolana studentessa anche lei della stessa accademia e compagna di Matteo nella vita. Con loro il falconarese Marco Mondaini al doppiaggio.

Realizzato anche in lingua inglese, il documentario racconta il fascino dei miti e delle leggende che contraddistinguono quei luoghi e vuole far parlare dei Sibillini per lo straordinario patrimonio paesaggistico che esprime e non solo, purtroppo, per essere vicino all’epicentro dell’ultimo sciame sismico che ha colpito il centro Italia.

Immagini e testo raccontano le leggende storiche di diversi incantevoli luoghi, dal lago di Pilato al monte Sibilla, dalla Gola dell’Infernaccio al Pizzo del Diavolo, e trasformano il prodotto di una passione in materiale spettacolare da diffondere pubblicamente.

A breve una famosa rivista di viaggi con sede a Milano dedicherà al video un approfondito articolo e già, con la sola pubblicazione su vimeo, siamo oltre le 10mila visualizzazioni italiane e, soprattutto, sulle 1’500 visualizzazioni dall’estero della versione doppiata in lingua inglese.

“Una terra ricca di racconti e di miti, che da secoli attira viaggiatori affascinati dalle sue bellezze e i suoi misteri” – così scrivono Matteo e Simona sui social – “Finalmente possiamo condividere il lavoro di ore di riprese all’interno del Parco Nazionale dei Monti Sibillini e di post produzione per raccontare la nostra terra”.

I due hanno anche creato una pagina facebook dove raccontano, con allegria, alcuni dei posti meravigliosi visitati: A way To

Il video:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*