Astralmusic

I misteri dell’antica abbazia di San Savino. Il Rotary Club Jesi fa luce sul tema

I resti dell'Abbazia di San Savino, visibili da viale Don Minzoni

JESI – C’era una volta, nel lontano XII secoloun’abbazia a Jesi, di cui oggi si possono ammirare solo pochi resti, segnalati da un cartello, tra l’altro sradicato.

Ruderi che confinano con il trafficato viale Don Manzoni, nei pressi del campo Boario, sotto lo sguardo indifferente di automobilisti e passanti.

Dei misteri dell’antica Abbazia di San Savino ne ha parlato martedì scorso il prof. Fabio Bertarelli, durante l’incontro conviviale del Rotary Club di Jesi.

Scrittore di Teatro e Narrativa, i suoi testi teatrali spaziano tra temi brillanti, grotteschi, drammatici e per ragazzi, rappresentati da molte compagnie marchigiane e nazionali. Ha composto anche opere teatrali su importanti personaggi jesini e dintorni e conseguito diversi premi letterari.

A sinistra, il prof. Bertarelli, insieme al presidente del Rotary Club Jesi Egiziano Iencinella

Attraverso ipotesi sull’antico complesso monastico, il prof.  Bertarelli ha cercato di stimolare la curiosità dei presenti. La Chiesa era a tre navate, una centrale più ampia e due laterali, e di grandi dimensioni.

Secondo il prof. Bertarelli, l’edificio, che sorgeva extra moenia, ovvero fuori dalle mura, era stato costruito sopra un tempio probabilmente dedicato al culto del dio Mitra. Furono poi i Goti, barbari invasori, a demolire il tempio mitreo e a costruirvi sopra una Chiesa dedicata a San Savino, Santo a cui ero devoti. Il complesso fu poi restaurato all’arrivo dei Longobardi. Bertarelli ipotizza che, successivamente, il complesso divenne una commenda templare, poi abbandonata e caduta in rovina già alla fine del 1400.

Resta ancora un mistero cosa abbia provocato la scomparsa di questa abbazia, di cui si è interessato anche l’Archeoclub di Jesi.

Per Bertarelli, forse è rimasta incostudita a lungo per l’assenza dei templari o forse è crollata. Ciò che resta infatti delle gambe portanti sembra essere divaricato all’esterno di circa un metro mezzo. Oppure, è stata semplicemente distrutta e il materiale riutilizzato per rinforzare le mura cittadine.

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*