“Ascolto…storie, profumi, sapori”, associazioni in rete per valorizzare il territorio

I profumi e i sapori del territorio in mostra per incentivare l’agricoltura della Vallesina

JESI – “Ascolto…storie, profumi, sapori” è il titolo della rassegna che si svolgerà nel mese di aprile, organizzata dal Centro Turistico Giovanile (CTG) Vallesina e con il patrocinio del Comune di Jesi. Tre incontri ogni venerdì del mese, il 6, 13 e 20 Aprile, ad ingresso libero, presso la sala riunioni della ex – II Circoscrizione (in via San Francesco) per esortare all’ascolto del nostro territorio e per scoprire le risorse che esso possiede.

L’iniziativa quest’anno nasce in collaborazione con la Condotta Slow Food dei Castelli di Jesi, che ha curato il calendario degli incontri: associazioni dunque che puntano a fare rete, come spiegato dal presidente del CTG Maurizio Gualdoni e da Luca Celli di Slow Food. Un’opportunità di crescita e di sviluppo del territorio, ha puntualizzato l’assessore all’Associazionismo Paola Lenti.

 

All’interno della rassegna, vari incontri: denominatore comune, un ritorno alle origini, cioè alla tradizione del “Carciofo precoce di Jesi” che negli anni è diventato un vero marchio registrato e, più in generale, un richiamo alla genuinità dei prodotti, la cui qualità sia garantita anche dal lavoro di manodopera e dalle tecniche classiche dell’agricoltura, consapevoli anche dei limiti di un suolo. Iniziative che parlano di tradizione per coinvolgere anche i piccoli imprenditori di domani, per rivitalizzare il settore dell’agroalimentare.

Si parte venerdì 6 aprile, a Jesi, alle ore 21.15 presso la sala convegni della ex-Seconda Circoscrizione, in via San Francesco, 52, con l’incontro dal titolo ‘La Condotta Slow Food Castelli di Jesi: il progetto “Carciofiamo”’. Questo primo appuntamento funge da introduzione all’intera rassegna in quanto sarà l’occasione per spiegare ai partecipanti il filo conduttore: voci ed esperienze dal territorio e per il territorio. Massimo Bergamo, Segretario di Slow Food Marche, ripercorrerà i 30 anni di vita dell’associazione internazionale guidata da Carlo Petrini, da sempre impegnata nel difendere il cibo “buono, pulito e giusto” in gran parte del nostro pianeta, dando dignità ai piccoli produttori locali (agricoltori o pescatori che siano) e aiutandoli nella creazione di vere e proprie “comunità del cibo”. A seguire Graziano Vittori, Direttore del CJPO – Cooperativa Jesina Produttori Ortoflorofrutticoli racconterà la nascita e lo sviluppo del progetto “CarciofiAmo – La Storia d’Amore tra Sapori Genuini e Territorio”, iniziativa ideata nel 2015 dalla Condotta Slow Food “Castelli di Jesi” in collaborazione con il CJPO, appunto.  Obiettivo è valorizzare il carciofo “precoce di Jesi”, molto diffuso negli anni ’80 e ’90 in Vallesina, non solo per il gusto ma anche per le proprietà benefiche per l’organismo e soprattutto per offrire nuove opportunità lavorative in grado di generare economia per il territorio in un sistema virtuoso.

Oggi, il carciofo “precoce di Jesi” viene prodotto da una ventina di agricoltori in aree collinari nella zona di Jesi, Monsano, San Marcello, Belvedere Ostrense e Morro d’Alba su circa 15 ettari per una produzione annua di circa 300.000 pezzi. Trenta anni fa i produttori erano circa una cinquantina per una produzione di 1.000.000 di pezzi. L’obiettivo è ridare slancio a questo settore anche attraverso una serie di attività ed eventi, come momenti di presentazione del prodotto e degustazioni, aperitivi e menù tematici da assaporare negli esercizi commerciali della nostra città.

Venerdì 13 aprile, alle ore 21,15, il “Il GAS – Gruppo di Acquisto Solidale di Jesi: la collaborazione con l’Orto del Sorriso”, con gli interventi di Katia Strappa, GAS Jesi e Matteo Donati, coordinatore gruppo tecnico di lavoro dell’Orto del Sorriso

 Venerdì 20 aprile, si parlerà invece de “Il progetto ARCA – Agricoltura per la Rigenerazione Controllata dell’Ambiente nella valle dell’Esino”, Bruno Garbini, ideatore del progetto ARCA

Una rassegna che si chiuderà poi, passando dalla teoria alla pratica: sabato 21 Aprile, dopo la visita guidata all’Abbazia di Santo Urbano di Apiro, si svolgerà una cena di beneficenza presso la Locanda del luogo, i cui ricavati saranno donati per la ricostruzione del cinema-teatro San Paolo, a San Severino Marche.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*