Idee e proposte del MeetUp Spazio Libero a tutti i candidati | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Idee e proposte del MeetUp Spazio Libero a tutti i candidati

JESI – Di seguito pubblichiamo una nota stampa del gruppo MeetUp Spazio Libero Jesi:

“Il MeetUp “Spazio Libero – Jesi” è un laboratorio di idee e proposte aperto a tutti i cittadini animati da senso civico e voglia di impegnarsi con spirito volontaristico a favore della propria comunità. In questi anni abbiamo approfondito diverse problematiche sulle quali, anche in questo periodo di campagna elettorale, vorremmo porre l’attenzione. Pertanto, partendo dalla nostra esperienza diretta, abbiamo pensato di proporre a tutti coloro che si candidano alla guida della città alcuni temi che noi riteniamo dirimenti.

Riteniamo che sia prioritario un cambio di mentalità nel metodo di governo, che deve essere incentrato sull’applicazione effettiva del principio della trasparenza nella pubblica amministrazione e sulla partecipazione concreta dei cittadini nelle scelte decisionali. Un altro aspetto fondamentale è rappresentato dal miglioramento della qualità della vita, che a nostro avviso passa anche attraverso lo stop al consumo di suolo, la realizzazione di una seria programmazione politica a favore dell’ambiente cittadino ed extraurbano e la piena accessibilità per tutti ai servizi e ai luoghi pubblici.

Come sempre noi saremo disponibili a collaborare, anche offrendo ulteriori approfondimenti, con i candidati sindaci che fossero interessati a sottoscrivere e realizzare questi punti programmatici.

CAMBIO DELLA MENTALITÀ  NEL METODO DI GOVERNO:

– SISTEMA DECISIONALE. Trovare il giusto equilibrio tra ruolo politico (definizione dei principi informatori dell’attività amministrativa e individuazione degli obiettivi), ruolo tecnico (proposta delle diverse soluzioni possibili), ruolo della cittadinanza attiva (preferenza sulle opzioni possibili, interlocuzione , proposte autonome). Mettere a sistema il contributo partecipativo sulle questioni importanti che riguardano scelte di rilievo (gestione  del territorio e piani di recupero , bilanci, viabilità,  gestione dei servizi, ecc.)

– TRASPARENZA. Instaurare una condizione operativa di trasparenza attivando percorsi formativi e riorganizzativi del personale e degli uffici, per mettere in condizione i responsabili dei procedimenti di detenere da subito per ogni procedimento amministrativo tutta la relativa documentazione all’interno di un  fascicolo informatico (previsto dal Manuale dei flussi documentali ed informatici approvato dal Comune di Jesi). Pubblicazione sul sito del Comune di un report aggiornato sull’attività e la presenza dei consiglieri comunali, di tutti i verbali, nonché dei video, delle sedute delle commissioni e del consiglio nei tempi previsti dalla legge. Rendere immediatamente consultabile  alla cittadinanza, senza le attuali limitazioni, l’archivio on line degli atti degli organi tecnici e politici dell’Ente (delibere, determinazioni, ordinanze, decreti, …)

– PARTECIPAZIONE.  Bilancio partecipativo attraverso un percorso informativo che coinvolga la cittadinanza; attivazione dei forum civici e degli altri strumenti di partecipazione popolare e democrazia diretta previsti da Statuto e Regolamento comunale; istituzione e regolamentazione di organismi di quartiere realmente rappresentativi della popolazione con funzioni consultive obbligatorie.

QUALITÀ DELLA VITA

– STOP AL CONSUMO DI SUOLO. Recupero e riqualificazione del patrimonio immobiliare esistente; discussione della petizione ad oggetto “Richiesta di annullamento del Piano di Recupero Campus Boario e definizione degli interventi minimi ammessi fino all’adozione di un eventuale nuovo strumento urbanistico”;  salvaguardia assoluta degli spazi verdi all’interno dell’area urbana.

– AMBIENTE – Censimento del verde finalizzato alla successiva realizzazione di un Piano del Verde che ne preveda l’incremento e la riqualificazione. Sviluppo degli orti sociali. Analisi  completa e messa in sicurezza delle alberate cittadine. Porre a dimora un albero per ogni neonato, a seguito di registrazione anagrafica, come previsto dalla legge 10/2013 “Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani” e dare completa attuazione alle altre disposizioni previste  dalla medesima legge.
Riqualificazione del verde extraurbano sia dal punto di vista produttivo (agricoltura biologica, sostenibile per una conseguente sicurezza alimentare) che da quello ecologico e della biodiversità (reticolo idrografico minore e fiume Esino). Trovare una soluzione al problema del rischio idraulico presente nel tratto di fiume all’altezza della briglia Enel in località Roncaglia, in merito al quale esiste una petizione cittadina, corredata da un dossier, rivolta alla Regione Marche nell’aprile 2016 ancora senza risposta.

– SERVIZI E LUOGHI ACCESSIBILI A TUTTI. Eliminare difficoltà e limitazioni rappresentate dalle barriere architettoniche. In attesa dello specifico piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche, intervenire prioritariamente nelle situazioni più gravi, come nel caso della rampa di accesso al poliambulatorio del distretto S. Francesco, attivando la fase di confronto con le associazioni prevista dal PEBA.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.