III° Giornata Internazionale per la Sensibilizzazione e Prevenzione del Tumore Ovarico | | Password Magazine

III° Giornata Internazionale per la Sensibilizzazione e Prevenzione del Tumore Ovarico

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce


JESI – Per il secondo anno consecutivo sul territorio Jesino si torna a parlare di tumore ovarico. L’occasione è offerta da FIDAPA BPW ITALY sezione Jesi e ROTARACT in collaborazione con Istituto Oncologico Marchigiano (IOM) e con i patrocini del Comune di Jesi, Fondazione Veronesi, Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Ancona e Società Italiana di Psico-Oncologia (SIPO) Sezione Marche.

Già l’anno scorso l’evento – di notevole spessore scientifico grazie a relatori davvero eccellenti e di grande professionalità – ha riscosso successo destando grande interesse sia presso le Istituzioni cittadine e non solo che nella cittadinanza, pertanto quest’anno con rinnovato entusiasmo le Presidenti Rotaract e FIDAPA BPW ITALY sezione di Jesi – rispettivamente Silvia Ricci e Letizia Saturni – hanno lavorato di nuovo insieme nell’organizzazione della III° Giornata Internazionale per la Sensibilizzazione e Prevenzione del Tumore Ovarico.

Fin dalle prime mosse organizzative l’accoglienza è stata entusiastica – sottolinea la Letizia Saturni presidente FIDAPA BPW ITALY sezione Jesi – dunque non solo conferme come ad esempio, i patrocini ma addirittura nuove collaborazioni e nuovi relatori. Il Distretto Rotaract, la BPW Europe, Young BPW e la SIPO sezione Marche hanno aderito all’evento. Di grande soddisfazione la collaborazione stretta e fruttuosa con IOM che ha un significato davvero unico. L’anno scorso durante il convegno Anna Quaglieri espresse la volontà di collaborare e quest’anno, grazie a M L Quaglieri, tale volontà ha trovato concretezza. Fondazione Veronesi anche quest’anno ha rinnovato il suo interesse nella figura della ricercatrice Chiara Garulli oltre la presenza del consigliere Delegazione Teramo, dr Stefano De Gregoriis.

Il programma scientifico – sapientemente studiato dal dottor Angelo Curatola e dalla dottoressa Letizia Saturni – vede la partecipazione di importanti professioni medici del territorio jesino, marchigiano e non solo, che ormai da tempo con le loro specializzazioni sono chiamati a confrontarsi con questo tumore che ancora incute tanta paura perché poco conosciuto.

La Giornata prevede nella prima parte un inquadramento medico-scientifico con la partecipazione del dr Curatola che terrà la lettura d’apertura su problematiche cliniche della patologia ovarica. Seguirà poi il dr De Nictolis con una visione da anatomo-patologo; il dr Bernacconi che tratterà il ruolo dell’anestesista; il dr Giuliodori che offrirà spunti di riflessione come oncologo fino ad arrivare, in chiusura di mattinata, al dr Ricci che presenterà la riabilitazione post-operatoria nella chirurgia endo-pelvica. La ripresa dei lavori pomeridiani vede la partecipazione della ricercatrice di Fondazione Veronesi che opera presso l’Università di Camerino la dottoressa Garulli mentre a seguire saranno presentate la dieta con la dottoressa Saturni, gli aspetti psicologici con la dottoressa Garofoli. In chiusura verrà data voce a chi rappresenta sul territorio sia la ricerca che l’assistenza al malato oncologico: il dr. De Gregoriis per Fondazione Veronesi Delegazione Teramo e la dottoressa Quaglieri per IOM.

Come ogni appuntamento importante non mancherà l’aspetto conviviale che quest’anno sarà davvero d’eccezione: una ‘cena in taverna’ in occasione delle giornate jesine dedicate alle rievocazioni storiche del Palio di San Floriano. Saremo alle ore 20 presso la Taverna IOM in via Federico Conti, 3 e a seguire parteciperemo alle manifestazioni messe a calendario per la giornata dell’8 maggio dall’Ente Palio , grazie alla disponibilità di Chiara Cascio, presidente dell’Ente Palio.

Comunicato da: FIDAPA JESI

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.