"Il Galilei non si divide": il sit in di protesta contro lo smembramento | | Password Magazine
Festival Pergolesi  

"Il Galilei non si divide": il sit in di protesta contro lo smembramento

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Stamattina studenti e docenti dell’IIS Galilei sono scesi in protesta contro l’ipotesi di “smembramento” dell’Istituto. Una proposta arrivata dall’incontro di qualche giorno fa, presso la sede della Provincia di Ancona, infatti,  con tutti i dirigenti scolastici degli istituti superiori di Jesi in cui si è discusso circa la cessione da parte del Galilei di tutto il corso LES (Liceo Economico-Sociale) al Liceo Vittorio Emanuele II, abbinando invece le Biotecnologie all’Istituto Cuppari.

“Ciò che ci fa male è che gli Amministratori della Provincia, nell’ottica di riorganizzare la rete scolastica di Jesi, stiano lavorando a questa ipotesi di scorporamento dell’Istituto – sono le parole del Dirigente scolastico Floriano Tittarelli – Una scelta che porterebbe alla perdita dell’identità della scuola che, divisa in due parti, e all’annullamento di tutti i progressi e dei risultati ottenuti da un’offerta formativa variegata e all’avanguardia, ricca di opportunità per i nostri studenti”.

Attualmente, sono circa 750 gli studenti che frequentano l’Istituto: 310 sono gli iscritti all’indirizzo Economico Sociale, 440 quelli di Biotecnologie. Va da sè che, se si proseguisse sulla strada dello smembramento, il Galilei perderebbe completamente i suoi due pilastri formativi.

 A questo l’IIS Galilei risponde che le iscrizioni sono in crescita perché una delle poche scuole che ha colto lo spirito innovativo del LES, che deve essere “altro” rispetto al Liceo Classico e alle tradizionali Scienze Umane. La Scuola ha risposto all’invito forte del MIUR di promuovere questo nuovo indirizzo perché strategico per il Paese, grazie alla sua modernità, al carattere inclusivo (rivolto ad una utenza più variegata rispetto ai tradizionali licei), al taglio didattico-metodologico che supera vecchi modelli pedagogici non più proponibili.
L’Istituto ha dimostrato più volte di restare al passo con le metodologie coinvolgendo tutti i ragazzi, deboli e forti, bravi e meno bravi, abili e diversamente abili, italiani e non italiani, e così via all’infinito come infinita e variegata è la specie umana.

Una crescita non a costo zero: sacrifici orari, aggiornamento continuo, sacrifici personali, studio costante, sperimentazioni, prove ed errori, confronti sistematici. Tutto questo per raggiungere l’obiettivo di garantire il Piano dell’Offerta Formativa annuale (POF) e triennale (PTOF), la professionalità, la formai giovani nello spirito del LES, di garantire servizi di qualità a tutti gli studenti. La crescita del LES è dunque il risultato di un percorso di miglioramento che ha portato ad un incremento graduale della popolazione scolastica e non uno sviluppo “anomalo” a scapito della qualità come si allude.

Il Dirigente Tittarelli ricorda poi i numerosi riconoscimenti e premi ottenuti a seguito del lungo percorso di crescita che, dagli anni ’50 ad oggi, attraverso le varie fasi evoluzione di questa scuola, sempre pronta ad adattarsi ai tempi e alle nuove esigenze, ha portato il Galilei ad essere insignito nel novembre scorso dal Ministro Giannini con il titolo di “Esempio di Buona Scuola Italiana e nel Mondo”.

“Non vogliamo che tutto questo si perda dividendo la scuola in due – conclude il Dirigente – Lanciamo un appello all’Amministrazione comunale e a tutti le Istituzioni di appoggiarci affinché questa ipotesi venga abbandonata. Siamo pronti ad accettare qualsiasi altro provvedimento o soluzioni, purché ci si allontani da questa inaccettabile proposta dello smembramento”.

 

A cura di Chiara Cascio

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.