Il 2018 sarà l’Anno nazionale del cibo italiano

La Dott.ssa Letizia Saturni

ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE a cura delladott.ssa Letizia Saturni

I ministri Dario Franceschini e Maurizio Martina hanno proclamato il 2018 è l’Anno Nazionale del Cibo Italiano. A tre anni da Expo e a pochi mesi dall’apertura di F.I.CO il cibo torna protagonista e seppur con poca voglia dopo le recenti abbuffate di Natale e Capodanno, se ne parla ma da un punto di vista più squisitamente culturale.  

Si punta, in particolare, alla valorizzazione dei riconoscimenti UNESCO legati al cibo quali quelli già assegnati alla Dieta Mediterranea, alla vite ad alberello di Pantelleria fino alla più recente arte del pizzaiuolo napoletano. L’anno del cibo vuole essere anche occasione per sostenere la candidatura già presentata, del Prosecco e dell’Amatriciana.

Ecco il logo ufficiale che caratterizzerà tutte le iniziative legate alla promozione dell’enogastronomia e del turismo

Cosa ci dobbiamo aspettare? Saranno avviate iniziative per far conoscere e promuovere, anche in termini turistici, i paesaggi rurali storici, per il coinvolgimento e la promozione delle filiere e ci sarà anche un focus specifico per la lotta agli sprechi alimentari. Dunque si delinea una occasione importante sia per valorizzare il legame profondo tra cibo, paesaggio, identità e cultura che per mettere a sistema le tante e straordinarie eccellenze investendo sull’immagine del nostro Paese nel mondo. Protagonisti indiscussi saranno agricoltori, allevatori, pescatori, cuochi fino ai più alti livelli istituzionali.

Il primo passo del 2018 anno del cibo italiano, è una campagna social tutta incentrata su alimenti e piatti d’autore, realizzati con tempera e chiaro scuro, in marmo o su ceramica.

A seguire altre due novità si concretizzeranno nel mese di gennaio e di febbraio.

La prima a gennaio riguarda l’etichettatura di pasta e sugo di pomodoro per garantire la massima trasparenza negli acquisti ai consumatori in una situazione di grande promiscuità.

Un pacco di pasta su tre è prodotto con grano straniero mentre riguardo a tutti i derivati del pomodoro, si è visto che nel 2017 decine di milioni di Kg di concentrato di pomodoro cinese sono arrivati sui nostri mercati senza indicazione in etichetta.

La seconda novità riguarda l’etichettatura d’origine per il riso che entrerà in vigore da febbraio. L’Italia è il principale Paese produttore in Europa ma è invasa da produzioni asiatiche.

Un anno tutto da vivere che seguiremo nei prossimi sviluppi e chissà che anche la Vallesina non trovi spunti per concretizzare azioni a favore della nostra Cultura del Cibo.

Per appuntamento: 347 4351576 – www.letiziasaturni.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*