Il Bar Trieste di Jesi tra le “Gelaterie d’Italia 2019” del Gambero Rosso

JESI – Anche quest’anno il Bar Trieste di Jesi viene inserito nella guida Gelaterie d’Italia 2019 del Gambero Rosso per il suo genuino gelato artigianale: la quarta generazione si sta facendo valere.

108 anni di esperienza, quattro generazioni e tanta passione. Questo è il Bar Trieste di Jesi, una storia a forma di cono.

Tutto nasce nel 1911 da un’intuizione di Anna Fausta che, passeggiando per le strade di Jesi, si imbatte nel cinema muto della città sito nella via adiacente a quella in cui si trova oggi il Bar Trieste: «Certo che qui aprire un bar sarebbe proprio l’ideale, visto che all’interno del cinema non c’è nemmeno una saletta per attendere l’inizio del film» esclama al marito Vincenzo. E da quella semplice frase, detta quasi per scherzo, nasce il Bar Trieste con la sua prima generazione, e senza perder tempo, mettono su una gelateria con crema, cioccolato e limone.

La tradizione continua con la figlia di Anna, Alba detta Faustina scomparsa nel 2000 che tramanda tutte le sue conoscenze al suo unico figlio Angelo: con lui la gelateria diventa quella che tutti noi oggi conosciamo. Grazie alla sua determinazione e costanza nello studio, Angelo Capogrossi inventa nuove ricette e propone deliziose alternative ai gusti classici: «il tutto rigorosamente seguendo la stagionalità delle materie prime, e quindi la frutta d’estate e le castagne d’inverno – spiega Angelo, con la gioia negli occhi – i miei nonni producevano il gelato con i barattolini in polvere, ora invece è tutto artigianale, tutto di nostra produzione, tranne il cacao e le nocciole che quelle tocca comprarle – prosegue sorridendo – ho ideato un sistema per le creme e uno per la frutta, e le mie figlie si basano suquelli». Ma oltre ad essere un grande amante di gelati, Angelo è stato anche insegnante all’AIS (Associazione Italiana Sommelier), scrittore di vita contadina marchigiana e soprattutto artista eclettico, tanto da trasformare il suo Bar in un Bar-Museo con circa 3000 cimeli raccolti in più di 20 anni ed appesi con cura alle pareti del locale.  Insomma, un bar che diventa espressione della propria identità e questo lo sa bene la figlia Cristina che, insieme a sua sorella Patrizia, porta avanti l’attività di famiglia con orgoglio: «Noi rappresentiamo la quarta generazione e ne andiamo fiere – commenta Cristina – il nostro lavoro è un lavoro quotidiano ed è fatto di sacrifici ma anche di tante gioie». I classici gusti nocciola, crema, cioccolato e limone sono rimasti, ma sul bancone se ne contano 9: «In base alla fantasia, soprattutto di mia sorella, creiamo di continuo nuovi gusti tutto senza coloranti, conservanti e agenti chimici e poi postiamo la scaletta giornaliera sulla nostra pagina Facebook così che il cliente possa essere sempre aggiornato».

La parte più bella del lavoro è sicuramente la soddisfazione dei clienti e vedere il lavoro apprezzato: «Sono ormai svariati anni che siamo sulla guida del Gambero Rosso e quest’anno abbiamo ricevuto l’adesivo per i due coni – commenta Cristina – siamo contenti che le riviste specializzate ci diano il loro consenso, ma ben venga anche la gente che spontaneamente ti dice che il gelato è buono».

I 108 anni di esperienza hanno sicuramente fatto la differenza con le altre gelateria delle Marche, ma gioca un ruolo fondamentale l’essere stati in grado di mantenere quello che i suoi nonni e il padre Angelo hanno costruito, vale a dire, una gelateria tradizionale e artigianale: «Pochi gusti ma buoni e uno stile di lavoro semplice e genuino – spiega Cristina – e spero che ci sia un continuo per dare seguito al lavoro e ai sacrifici fatti dai nostri antenati. Speriamo di riuscire a portare avanti l’eredità lasciataci».

E intanto, buon gelato a tutti!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*