Il Caffè del Lunedì: la Vita, questa scatola di cioccolatini

E’ di ieri la notizia: Misano miete un’altra vittima. Emanuele Cassani, pilota di 25 anni, originario di Faenza, muore travolto in partenza da due altri centauri, durante  il Trofeo Bridgestone classe 600, gara del Campionato italiano di velocità, intorno le 14.30. Il giovane è stato soccorso in maniera tempestiva dal personale medico ma invano. 

Una vita di sacrifici quella di Emanuele che, promessa dello sport, aveva trovato impiego in una ditta di Imola per finanziare la propria attività motociclistica. Le due ruote per lui rappresentavano un sogno, una speranza, e aveva dato tutto per riuscire ad arrivare al traguardo. E invece la moto lo ha tradito: piuttosto che condurlo al successo, ha posto fine alla sua stessa esistenza.

L’incidente, nella dinamica, pare somigliare a quello in cui nel 2011 a Sepang perse la vita Simoncelli, a cui è intitolato il circuito romagnolo. Circuito che è stato – ugualmente – teatro della tragedia di Alessia Polita, il 15 giugno scorso, rimasta paralizzata sulla sedie a rotelle, e poi del fidanzato Eddi che, fortunatamente, gode adesso di ottima salute.

Viene da chiedersi perché uno sport così pericoloso continui ad essere così seguito. Dove trovano gli aspiranti centauri il coraggio di salire sul sellino. Perché quella maledetta moto è capace di attirare, come un’infida tentazione, nuovi proseliti, sedotti dalla passione o da prospettive di guadagno e di successo senza considerare i rischi che si corrono.

Che sia passione o semplicemente crudele Destino, “questo è il motociclismo”. Chi corre, sa benissimo a cosa va incontro. Non me ne vorrà Alessia Polita che proprio oggi contesta su facebook questa frase, definendola una leggera constatazione. 

Ebbene sì, è una frase fatta. Una frase da ignoranti. Ma fa parte, indubbiamente e sfortunatamente, del pacchetto. Come quando si decide di iniziare a fumare: i rischi sono evidenti e scritti a carattere cubitali sul pacchetto. Ma c’è un’altra frase, ancora più stupida della prima e su questo Alessia mi darà ragione: “Sì, dai. Non toccherà proprio a me”.

E invece la vita è un terno a lotto. E’ la cosiddetta scatola di cioccolatini di Forrest Gump, non sai mai quale ti capita. Non puoi prevederlo. Il motociclismo può uccidere come le sigarette. Ma puoi anche uscirne illeso.

Oggi si muore sul lavoro. Per una pillola  Ru486. Per amore. Si muore mentre si mangia o mentre si va all’università a fare un esame.

Si vive e si muore, come dice Alessia. Sono d’accordo con lei quando afferma che la vita “è fatta di sogni, felicità ma anche di passioni e tragedie”. Che non ti uccide il motociclismo ma la vita. Che forse, seguiamo ciascuno il proprio percorso e che, purtroppo, non tutte le strade conducono ad un lieto fine.

Eppure, dire “non è Misano, è la vita”, è come ammettere di non essere pienamente responsabili del proprio Destino.

E forse chissà, non lo siamo davvero.

Però una cosa lasciatemela dire: nel bivio tra la vita e la morte, in alcuni casi, non possiamo nasconderci dietro al Destino.

In alcuni casi, sono le nostre scelte ed azioni – consapevoli o inconsapevoli che siano, senza aggiungere colpe né attribuire meriti – a muovere i primi passi verso l’una o l’altra direzione. 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*