Il Caffé del Lunedì - L'Italia tra "La Grande Bellezza" e "Il Grande Fratello" | Password Magazine
Festival Pergolesi

Il Caffé del Lunedì – L'Italia tra "La Grande Bellezza" e "Il Grande Fratello"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

La settimana si apre con il primo caffè del lunedì. Non esiste momento migliore per fare il punto della situazione, ricordare i propri impegni, fissare i traguardi.

Raccogliere le energie davanti a quella tazzina e aprirsi al mondo.

Stamattina l’Italia, davanti al suo caffè, ritrova il sorriso di buon mattino: dopo 15 anni, il cinema italiano trionfa ad Hollywood con il premio Oscar per Paolo Sorrentino e il suo film “La Grande Bellezza”, proclamato “miglior film straniero”.

La statuetta d’oro non tornava in Italia da “La vita è bella” di Benigni, un’ iniezione di fiducia al Paese, una piacevole distrazione – quasi un caffè, se vogliamo –  che fa rialzare la testa dalle criticità della situazione internazionale che coinvolge i rapporti tra Europa e Russia e che vede protagonista l’Ucraina.

Lo stesso premier Renzi, di buon ora, in un tweet, scrive: “In queste ore dobbiamo pensare ad altro e lo stiamo facendo. Ma il momento orgoglio italiano per Sorrentino e #LaGrandeBellezza ci sta tutto”.

Che questa vittoria sia dunque un momento per riflettere sulle potenzialità del Paese, sul nostro patrimonio artistico-culturale, su tutto ciò che è in grado di contraddistinguerci all’estero.

Sì dunque a Sorrentino.

No invece al Grande Fratello che riparte oggi in tivù.

Una trasmissione frivola e superficiale, dove non vince chi è ma chi appare meglio, teatro di morte per la cultura, scherno di una società sempre più ossessionata da una tecnologia che ci controlla, che ci rende protagonisti e schiavi allo stesso tempo.

Che non stupisca poi se tra gli adolescenti si stia diffondendo a macchia d’olio la sfida del “Ti nomino!” che combina alcol a facebook. Un gioco che si alimenta in modo virale, grazie all’impiego dei social network, una specie di catena di Sant’Antonio che ha come scopo quello di sfidare gli amici a bere. Una tendenza che sta dilagando ovunque. A darne l’allarme per prime le città di Milano e Bologna, anche se ormai il gioco è arrivato anche nei piccoli centri della Vallesina.

Le regole sono semplici: chi viene citato da un amico che lo tagga su Facebook, ha un giorno per raccogliere la sfida e bere, filmandosi mentre alza il gomito e postando poi il video sulla bacheca. Solo allora potrà tirare in ballo a sua volta altre tre persone che a loro volta faranno lo stesso. Chi perde – non riesce a finire la birra o vodka o altro oppure rinuncia – paga, in questo caso offrendo da bere a chi lo ha sfidato.

Ecco allora che il film di Sorrentino, di nuovo, insegna. Un film vincente che riempie di orgoglio il Belpaese ma che allo stesso tempo punta il dito contro quell’Italia che agisce senza cogliere necessariamente il senso delle cose,  che non si interroga sui perché, che ha dimenticato i valori, un’Italia in standby, intrappolata tra gli eccessi, la volgarità e la corruzione dell’animo.

Un film che invita a riflettere sull’immagine decadente della nostra società nel suo complesso, persa in consumi frivoli, intrisa di superficialità, bombardata dai media ma che  in parte è pronta a recuperare attraverso il trionfo dell’arte, della cultura e  dell’educazione, la consapevolezza di sé e a rimettersi, così,  in marcia verso la luce e il successo.

a cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.