Il cammino di Santiago De Compostela: il racconto di Gabriele | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Il cammino di Santiago De Compostela: il racconto di Gabriele

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

PIANELLO VALLESINA – Ha compiuto i suoi 25 anni durante il suo cammino per Santiago De Compostela, la località spagnola famosa per ospitare pellegrini da tutto il mondo ogni anno. Gabriele, un ragazzo di Pianello Vallesina, lavora come infermiere, ha raccontato la sua personale esperienza nella seguente intervista:

Anzitutto, specifichiamo: da dove sei partito? Hai scelto di fare questo percorso da solo?

“Sono partito dalle Marche il 31 Agosto per arrivare a Porto: da lì, dopo un giorno di permanenza, sono partito per iniziare il cammino di Santiago De Compostela, che ho raggiunto dopo 12 giorni. In poco meno di due settimane ho fatto circa 250 Km. Ho deciso di affrontarlo da solo, non mi andava di seguire i miei amici nella tipica vacanza di movida, avevo voglia di sperimentare questo cammino. Sono abituato già da anni ad affrontare viaggi con lo zaino in spalla, quando facevo parte degli scout, e sapevo dentro di me che prima o poi avrei dovuto fare questo cammino. Molte sono le persone che lo affrontano per motivi religiosi: non è il mio caso, piuttosto ho affrontato questo viaggio con una visione laica, è stato un percorso spirituale e senz’altro di crescita.

Mi piaceva l’idea di fare un viaggio che non richiedesse troppi programmi. Approfittando delle mie ferie lavorative, ho scelto dapprima di dedicare una sola settimana al cammino, poi però ho pensato che sarebbe stata un’esperienza altrettanto entusiasmante, quella di festeggiare il mio compleanno in questi luoghi del tutto nuovi per me: così ho consultato una guida e ho scelto il percorso più adatto alle mie esigenze e gusti”.

Esistono vari cammini: quello originario parte da vicino Lourdes e passa per i Pirenei per esempio, quello che ho scelto io parte da Lisbona, ma partendo da lì avrei impiegato circa il doppio del tempo.

Penso che sia stato un bene partire da solo: mi sono sentito molto più motivato e aperto a dialogare e conoscere nuove persone, e in più è stata anche l’occasione per parlare in inglese ed esercitarmi.

Durante il viaggio hai avuto modo di conoscere altre persone suppongo: che storie portavano con se’, che atmosfera si respirava?

“Esattamente, durante il cammino ho visto persone di tutte le età e di tutte le nazionalità: signore di 70 anni, famiglie con bambini piccoli, provenienti non solo dall’Europa ma anche dal Brasile, persino dall’Australia, dalla Nuova Zelanda!

Le prime persone che ho incontrato erano un ragazzo di Venezia e una coppia di Firenze, dopodiché ho incontrato un gruppo di ragazzi polacchi, e poi ancora ragazzi della Repubblica Ceca, Ungheres e Tedeschi: ovviamente mi sono rapportato un po’ di più con i miei coetanei. Il clima è quello della convivialità: gli ostelli destinati a noi pellegrini si chiamano albergue, ed erano delle grandi camerate dove si condividevano spazi con persone sconosciute. In occasione del mio compleanno ho deciso di cucinare un buon piatto di carbonara per me e per i miei compagni polacchi. Abbiamo festeggiato, ma non solo: ho avuto modo di confidarmi sui miei pensieri più intimi con gente che conoscevo appena, ed è stato veramente bello. In generale c’era accoglienza: dal semplice augurio degli altri pellegrini di fare un “buen camino” all’accoglienza degli abitanti dei paesi che ci ospitavano: portoghesi e spagnoli sono persone di cuore, e anche solo per un bicchiere d’acqua aprivano le porte delle loro case, è stato incredibile.

Inoltre, mi ha molto colpito la storia di un ragazzo di Bergamo, che aveva già fatto in precedenza altri cammini: questa volta però lo faceva perché lo aveva promesso a sua madre, prima che lei morisse. Così, lui era lì per seguire il Cammino di Fatima, vicino Lisbona”.

 

Che consiglio daresti a chi volesse intraprendere il Cammino? Occorre una specifica preparazione?

“In realtà io non ho fatto nessuna particolare preparazione. Sono già abituato ai viaggi con zaino in spalla, come dicevo, e abitualmente faccio una corsa di 10 km, ma il cammino è veramente agibile per chiunque volesse: ci sono, oltre a servizi taxi, anche servizi disposti a trasportare semplicemente i bagagli e permettere così, a chi si sentisse affaticato, di fare il cammino senza un peso in più. Le vesciche sono all’ordine del giorno: ricordo un giorno, in cui tra l’altro ho camminato per oltre 30 km, di avere un piede pieno di vesciche e, nell’altro lato, la caviglia gonfia dovuta a una distorsione, ma non mi sono comunque perso d’animo perché una volta lì, sei motivato ad andare avanti, ognuno con i propri tempi e modalità. Io ho in ogni caso deciso di affrontare tutto il cammino a piedi e senza usufruire di alcun servizio.

Consiglio comunque di non riempire il proprio zaino: durante il cammino molte persone si rendono conto di avere con se’ molte cose superflue, e le abbandonano durante il cammino”.

Torneresti?

Sicuramente sì, ma non il prossimo anno: è un viaggio rilassante dal punto di vista mentale, ma non fisico. Ho perso diversi chili in pochi giorni, questo viaggio richiede molto spirito di adattamento.

Che cosa ti porti da quest’esperienza?

Porto con me i posti incontaminati che ho visto, le storie delle persone che ho incontrato e la gioia provata una volta arrivato alla mia meta. Soprattutto, un insegnamento che mi è stato detto: ti accorgi che nello zaino ci sono diverse cose superflue, e lo zaino metaforicamente rappresenta il cammino, o più in generale la vita. Se impari dunque a fare a meno del superfluo, alleggerisci il tuo carico e con meno peso addosso, cammini meglio.

A cura di Giovanna Borrelli

 

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.