Il candidato sindaco Fiordelmondo illustra «le scelte» della fabbrica del programma - Password Magazine

Festival Pergolesi

Il candidato sindaco Fiordelmondo illustra «le scelte» della fabbrica del programma

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Il candidato sindaco di centrosinistra Lorenzo Fiordelmondo ha illustrato ieri alla stampa i punti del programma. «Voglio che la campagna elettorale prosegua su un punto politico: il programma. Siamo una coalizione politica che si propone al governo della città non un mero accordo elettorale – sono le parole di Fiordelmondo -. Sono due le grandi questioni strategiche da mettere in campo: innanzitutto, Jesi deve tornare ad avere una centralità nel territorio: l’Amministrazione deve essere in grado di mettere le sue visioni a disposizione della media Vallesina in un’ottica di sviluppo strategico e di omogeneità complessiva. L’altra riguarda la manutenzione e la cura degli spazi che in questi anni è stata assolutamente carente».

Ecco «le scelte della fabbrica del programma».

Partecipazione e relazione: «Spetta al sindaco tessere la relazione con la città, aiutare i cittadini ad organizzare i rapporti con l’Amministrazione e con gli spazi in cui vivono».

Seconda scelta di campo riguarda il tema dell’Ambiente, con «piani strategici affinché territorio presti attenzione al consumo energetico»; su Sanità non ci sarà nessun assessore: «La legge prevede che il Sindaco ne sia il responsabile – fa sapere Fiordelmondo – organizzeremo un tavolo permanente di confronto con tutti gli attori della sanità cittadina e quando sarà necessario battere i pugni sul tavolo lo farò a qualsiasi livello, a partire dalla Regione».
In Giunta, in caso di vittoria della coalizione di centrosinistra, ci sarà un assessore allo Sviluppo economico:

«Jesi deve mantenere il settore storico, quello metalmeccanico, riattivare leve importanti sul fronte turistico, puntare sull’Interporto».
Cultura: «Attraverso un Piano regolatore della cultura vogliamo offrire alla città una programmazione pluriennale che non si limiti a un singolo evento. La Fondazione Pergolesi Spontini è nata dal centrosinistra: nessuna intenzione di smantellarla. Intendiamo aprire il teatro a persone che non ne hanno mai varcato la soglia. Questa città ha tanti spazi non utilizzati, compresi quelli all’aperto, e tante energie: il Comune deve fare la regia».
Sport: «Punteremo a un Piano strategico dello sport dedicato alle politiche sportive per costruire. Si partirà non dal Giro d’Italia, ma dai campetti di quartiere per mappare spazi e raccogliere le energie, per favorire la pratica di alcune discipline per le quali l’impiantisca è insufficiente o carente. Nessuno sarà lasciato indietro».
Altro tema è quello dell‘edilizia popolare convenzionata: «Nel nostro programma c’è attenzione all’edilizia popolare: ci sono troppi cantieri in stallo come le ex Carceri, la Torre Erap, l’ex filanda di via Roma.

L’emergenza non finirà con la pandemia: queste situazioni vanno risolte. Intendo anche verificare gli appartamenti vuoti in città e, magari in convenzione con Erap, destinarli all’edilizia popolare».
Tempo e Notte: «Sarà istituita la figura del sindaco della Notte perché la notte è un tempo vivo che va governato e non subito, tramite l’ascolto e il coinvolgimento di chi la notte lavora, di chi la vive e di chi abita nelle zone particolarmente interessate».
Sociale: «Valorizzazione dell’Asp tramite il monitoraggio delle criticità e tramite il potenziamento del ruolo politico nella sua gestione; sarà inoltre istituita una Casa dei Diritti delle Persone Fragili e si punterà a dare maggiore sostegno alla domiciliarità per dare seguito alle esigenze del ‘Dopo di Noi’».
Il tema Nuove Generazioni prevede «sia una dimensione di formazione educativa e che di divertimento, con l’istituzione di spazi di socialità in luoghi strategici la cui gestione dovrà essere affidata ai giovani che collaboreranno con le figure educative».
Rappresentazione: «La nostra sarà un’Amministrazione costantemente presente nei quartieri per verificare insieme lo stato di avanzamento della città e monitorarne le criticità e la crescita. L’unità di misura sarà il benessere cittadino».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.