Il candidato sindaco Lucaboni: "Uffici comunali che non offrono risposte al cittadino" | | Password Magazine

Il candidato sindaco Lucaboni: “Uffici comunali che non offrono risposte al cittadino”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il Comune è, e deve essere al servizio del cittadino, sempre. E’ assurdo, al limite dell’incredibile, che quando ci si rivolge agli uffici preposti a dare le informazioni per cui ci si è andati dall’altra parte come risposta si riceva: “Non possiamo rispondere alla sua domanda” . Incredibile. Posso capire mi si dica guardi a questa sua richiesta non posso rispondere per i più svariati motivi. Ma qui siamo all’assurdo che neanche la domanda si possa fare perché, a prescindere non ti rispondono”.
Questo è quello che è capitato venerdì mattina al candidato sindaco di Libera Azione Jesi Massimiliano Lucaboni: “Siamo andati in Comune, ufficio Segreteria per chiedere informazioni, nulla di più informazioni, su alcune questioni concernenti la presentazione delle liste per la prossima campagna elettorale qui a Jesi.
La segreteria comunale è il luogo fisico dove si dovranno consegnare tutti i documenti, le firme raccolte e quanto altro per poter presentare la candidatura a Sindaco per la città. Ebbene chi è preposto a raccogliere tale documentazione, presumo SIA a conoscenza della documentazione da presentare, e quindi per proprio ufficio disponibile ad aiutarti almeno a risolvere quei piccoli dubbi che possono sorgere tra la presentazione di un documento e un altro.  Ma l’assurdo di tutto questo non è tanto il fatto che nessuno è disponibile ad aiutarti, perchè alla fine anche se strano sarebbe accettabile un NO. Ma qui siamo di fronte proprio ad un NO preventivo. Tu cittadino non puoi porre domande non puoi fare richieste. Insomma neanche l’informazione è stato possibile chiedere perché a prescindere ci hanno cortesemente invitato a non porre domande perché loro non sono autorizzati a rispondere. Ma dico io, a chi devo rivolgermi per una informazione al Ministero dell’Interno a Roma?
Ma ci rendiamo conto che si rasenta il ridicolo? Allora mi domando: è un atteggiamento preventivo voluto da qualcuno? Se così fosse sarebbe anche più grave la questione, o siamo di fronte ad un atteggiamento volutamente negativo per evitare di incorrere poi in discussioni o ricorsi vari?
Ma anche fosse così siamo di fronte all’ennesimo caso di atteggiamento ostile da parte di un’ Amministrazione comunale che tratta il cittadino come un suddito invece che come depositario di diritti a cui l’ente comune è obbligato a dare risposte. Tutto ciò lo sottolineo è vergognoso”.

M.LUCABONI Lista Libera Azione JESI FI

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.