Il candidato sindaco Stefano Martelli: «Vogliamo #Di Più per Monte Roberto».

MONTE ROBERTO – Stefano Martelli, candidato sindaco a Monte Roberto con la lista #Di Più per Monte Roberto, è pronto a sfidare alle urne il primo cittadino uscente Gabriele Giampaoletti.
Nella sua squadra, ci sono anche Melania Cannuccia, Serena Cesaroni, Sara Campanile, Daniele Marasca, Federico Filipponi, Luca Sassaroli, Andrea Perugini, Sandro Staffolani, Alessio Panfoli, Giulia Verdenelli, Elia Fava, Cristiano P. Togni.
Chi è Stefano Martelli?
«Sono un uomo di 54 anni, innamorato di Monte Roberto, tanto da trovare la mia anima gemella proprio in questo territorio, nel quale ho lavorato per tanti anni e nel quale conservo i ricordi più belli. Attualmente sono il Comandante della Polizia Municipale presso il Comune di Corinaldo, laureato in Teoria e Tecnica della normazione giuridica presso l’Università di Macerata ed esperto della gestione amministrativa degli Enti Locali».
Come è maturata la decisione di candidarsi?
«Se oggi sono quello che sono, gran parte del merito è di Monte Roberto. Ho lavorato per oltre 20 anni in questo territorio, gli anni della mia giovinezza e della crescita professionale. Ho visto crescere famiglie, ho assistito e partecipato attivamente a tutte le modifiche gestionali e amministrative del Comune e quando alcuni Cittadini, tra cui anche alcune persone che hanno già svolto attività amministrativa, mi hanno rappresentato la situazione attuale e mi hanno chiesto di impegnarmi in prima persona per ristabilire equilibrio nel Comune di Monte Roberto e riportare rispetto per i Cittadini, non potevo che dire di SI!».
La tua squadra è pronta a sostenerti.
«La sua composizione è stato un momento complesso e delicato perché, come a mio avviso dovrebbe fare ogni lista civica, ci siamo confrontati tra molti cittadini interessati cercando di individuare INSIEME coloro che hanno le condizioni più adeguate per svolgere il ruolo di amministratore pubblico. Nella squadra c’è un mix di persone con esperienze amministrative, di giovani formati, con entusiasmo e voglia di incidere sul territorio con idee e progetti. Ma dietro di noi, c’è un folto gruppo di Cittadini che hanno partecipato da tempo e che ci hanno aiutato a gestire al meglio il delicato momento della composizione della squadra».
E il programma?
«I tanti Cittadini con i quali ci siamo confrontati e, ovviamente noi in prima persona, abbiamo tantissime idee e progetti. Tra questi la realizzazione del ponte ciclopedonale per il collegamento con la Via dei Tesori e il completamento del Teatro di Monte Roberto, opere di cui garantiamo la realizzazione nei 5 anni di amministrazione».
Com’è ad oggi la situazione a Monte Roberto e perché l’Unione con Castelbellino va riconsiderata/rivalutata?
«La situazione è veramente inaccettabile. Gli attuali amministratori hanno, silenziosamente e supinamente, abdicato al loro ruolo e praticamente il Comune di Monte Roberto risulta “annesso” da quello di Castelbellino, senza aver più voce in capitolo sulle decisioni. Per farvi un esempio di quanto sia diventato grave il problema di rappresentanza e di rappresentatività basta verificare che nell’ultimo anno a fronte di 37 giunte dell’Unione i 2 rappresentanti di Monte Roberto sono stati presenti solo a 5. Meno del 14%. Insomma, ci troviamo in una Unione dove non contiamo nulla e non ci credono, probabilmente non ci hanno mai creduto, nemmeno gli attuali amministratori. Questo, in primis, ha avuto un riflesso molto negativo anche sulle tariffe che vedono quelle di Monte Roberto aumentate e quelle di Castelbellino diminuite, gravando sulle “tasche” dei Cittadini. Pertanto, garantiamo entro 30 giorni dal nostro insediamento una valutazione seria e oggettiva di tutta l’Unione che verrà presentata ai Cittadini e, successivamente, verranno prese le decisioni per sanare una grave situazione creatasi senza che nessuno ne spiegasse il motivo né informasse i Cittadini».
Quali saranno le altre priorità?
«Come detto, in primis, dobbiamo rivalutare/riconsiderare questa Unione che comporta, ovviamente, la rivalutazione di tutti i servizi e di tutta l’organizzazione. Scuola, Sicurezza, Ambiente, Sviluppo e Imposte (vogliamo che gli oltre 200 contribuenti ai quali l’attuale amministrazione ha pensato bene di far pagare l’addizionale comunale irpef, ritornino a non pagarla, riportando la fascia di esenzione a 15.000 €.), sono le nostre priorità, che vedranno la loro concretizzazione nel nostro programma. Assicuriamo una costante e quotidiana ricerca di fondi da parte di Enti esterni e la partecipazione nella nostra squadra di persone che hanno già amministrato il nostro territorio e che sono riuscite a trovare ed ottenere tali importanti e strategici fondi, ci convince che riusciremo a individuarli velocemente».


Sono previste iniziative per incontrare i cittadini?
«Certamente, oltre al punto di ascolto, abbiamo intenzione di incontrare i Cittadini con diverse assemblee pubbliche per informare tutti della situazione del nostro Comune, farci conoscere, ascoltare, rispondere e dimostrare che vogliamo e possiamo fare #DI PIÙ PER MONTE ROBERTO. Ma questo nostro progetto, inevitabilmente, coinvolge anche Castelbellino e per questo abbiamo, da tempo, avviato i colloqui con la lista civica di Castelbellino ma vogliamo andare anche oltre pensando alla Vallesina. Chiunque si affacci da uno dei belvederi dei nostri splendidi castelli noterà un territorio omogeneo, con Jesi che funge da punto focale. Garantendo autonomia e identità ad ogni singola comunità, crediamo che ci possa essere un futuro e uno sviluppo migliore e pensiamo che si possa fare #DI PIÙ anche per tutta la Vallesina».

(Messaggio elettorale a pagamento)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*