«Il centro storico non è il Paese dei Balocchi!»: monta la protesta del comitato residenti | Password Magazine
Banner-StudioGamma
studiogamma

«Il centro storico non è il Paese dei Balocchi!»: monta la protesta del comitato residenti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Assembramenti alla faccia del covid, abusi verbali, disturbo della quiete pubblica, atti osceni in luogo pubblico, danneggiamento alle proprietà: un altro week end da paura!».

A parlare, tramite invio di una nota stampa, è il Comitato Abitanti Centro Storico: «Queste sono solo alcune delle situazioni che puntualmente succedono nel centro storico di Jesi ogni fine settimana tra le 23 e le 4 del mattino. Altre città come Osimo Ancona e Macerata (solo per citarne alcune) hanno preso provvedimenti con controlli programmati e multe. La situazione è degenerata da tempo, già prima dell’emergenza Covid». Gli abitanti del centro parlano di vera emergenza sociale e invitano l’Amministrazione comunale a prenderla in considerazione seriamente, senza giudicarla come «una lamentela di poche persone».

«I residenti si trovano costretti a presidiare le proprie abitazioni dalle scorribande di giovani spesso ubriachi (e non solo) che si divertono con urla e schiamazzi, nelle vie e vicoli, senza alcun rispetto per i luoghi e per le persone che ci vivono – fa sapere il Comitato -. Questi soggetti usano il Centro Sorico come se fosse Il Paese dei Balocchi. Jesi manca totalmente della presenza della polizia municipale nelle ore più critiche, sebbene gli abitanti del centro storico abbiano chiesto innumerevoli volte un controllo contro gli eccessi del sabato». L’appello poi alle forze dell’ordine ad effettuare più controlli nel fine settimane: «Il Comitato ha chiesto più volte un tavolo di confronto con tutti i soggetti interessati: abitanti centro storico, Gestori dei Locali, Giunta e Forze dell’Ordine .Ad oggi nessuna risposta. Serve un intervento e un progetto globale che da tempo il comitato chiede. Non si può lavorare a spot ma occorre una programmazione seria che abbracci e confronti tutte le criticità. Noi crediamo che bisognerebbe fare squadra invece che rapportarsi privatamente con la possibilità anche di creare uno scontro che noi non cerchiamo».
Le richieste del Comitato Abitanti Centro Storico sono: «Fare squadra con i gestori dei locali per trovare soluzioni condivise che portino risultati concreti per entrambe le parti; che siano presi
provvedimenti seri e duraturi per contrastare l’immagine attuale che Jesi sta dando, cioè di una città senza regole e senza freni; controlli da parte delle forze dell’ordine il sabato sera e che presidino tutto il centro storico compresi i vicoli e non solo gli spazi antistanti i locali; apertura serale/notturna dei bagni pubblici siti in piazza delle Monighette».

«Se si arriverà ad una nuova chiusura per questa emergenza sanitaria – infine concludono -, sarà grazie anche ad una amministrazione assente come questa e a tutte le forze politiche che stanno sottovalutando il problema».

Banner-Montecappone
Montecappone

1 Commento su «Il centro storico non è il Paese dei Balocchi!»: monta la protesta del comitato residenti

  1. DENUNCIATE IL SINDACO.
    iL SINDACO,IN QUANTO RESPONSABILE DELLA PUBBLICA SALUTE E ABITANDO NELLE VICINANZE DELLA PIAZZA, NON DEVE NEANCHE MUOVERSI DA CASA, BASTA CHE ALZI IL TELEFONO, PER FAR INTERVENIRE VIGILI, CARABINIERI E POLIZIA PER CONTROLLARE LA SITUAZIONE.
    COMUNQUE CI SONO LE FOTO, STATE TRANQUILLI CHE TRA QUELLE FOTO CI SONO I STUDENTI DI “FRIDAY FOR FUTUR” (TRADUZIONE FRADICI DI BIRRA PER IL’ANNIENTAMENTO)
    VERGOGNA TANTO ALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE NON GLI FREGA NIENTE DEI CITTADINI!!!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.