Rfiuti, sporco e sosta selvaggia in centro: l'appello del comitato abitanti | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Rfiuti, sporco e sosta selvaggia in centro: l’appello del comitato abitanti

JESI – A seguito dell’incontro pubblico dello scorso 4 Dicembre, il Comitato Abitanti Centro Storico di Jesi, porta all’ attenzione dell’opinione pubblica le criticità emerse, per stimolare l’Amministrazione Comunale a delle soluzioni condivise con chi vive a pieno la vita del centro.  Il Comitato degli abitanti del Centro Storico nasce per promuovere confronti con i soggetti competenti ed interessati.

In particolare le problematiche emerse sono state relative all’igiene pubblica, ai posti auto per i residenti, alla gestione delle isole ecologiche nel centro, alla manutenzione delle strade, allo stallo dell’ex Ospedale ed alla segnalazione dei percorsi turistici.

Il problema relativo all’ igiene pubblica è sentito soprattutto a seguito di un aumento smisurato del guano dei piccioni: la pulizia degli escrementi di questi animali, infatti, risulta alquanto precaria e del tutto insufficiente. L’auspicio del comitato degli abitanti è la ricerca tempestiva di soluzioni efficaci per la riduzione dei volatili: è stato suggerito in merito la progettazione di un’installazione di reti negli spazi di proprietà comunali segnalati dal comitato, per la presenza di cove o utilizzati dai volatili come “dormitori”. Viene inoltre segnalata anche un’opportuna messa in opera di dissuasori presso gli edifici di proprietà. Non solo piccioni, ma anche ratti, la cui pianificazione di derattizzazione risulta esistente solo dietro segnalazione dei cittadini.

In generale, la pulizia nel centro risulta carente: il servizio delle guardie zoofile non sembra essere efficace contro quei possessori di cani che, inoltrandosi verso le zone del centro storico più nascoste, lasciano defecare i loro animali senza effettuare l’opportuna raccolta delle loro feci.

Un’altra problematica rilevante segnalata dagli abitanti è inerente ai posti auto per i residenti, così come il problema della sosta per il carico e scarico in Piazza Federico II, fino a Piazza della Repubblica. Viene inoltre segnalata la pratica dei “parcheggi selvaggi”, contro ogni rispetto dei luoghi storici: anche in questo caso risulta inesistente un progetto generale per chi vive il Centro. A tal proposito la richiesta del comitato è quella di vedersi attribuire dei posti riservati a ridosso del Centro, come avviene nei Centri Storici di tutte le città d’Italia, e controlli da parte dei Vigili dopo le ore 20.00, soprattutto nei fine settimana o durante le manifestazioni.

Anche la questione della gestione delle isole ecologiche nel centro è stata presa in esame in sede di incontro pubblico: “Nonostante l’aumento della tari, chi ricicla bene è penalizzato” – dicono i membri del Comitato– “E’ ormai del tutto evidente che la concentrazione di bar e ristoranti nelle vie e piazze del Centro, produce un’esorbitante quantità di rifiuti, soprattutto nei fine settimana e nel periodo estivo, che le isole ecologiche non riescono a contenere creando degrado urbano”. Anche in questo caso, la richiesta avanzata dal comitato è un progetto diversificato di raccolta e conferimento dei rifiuti tra le attività commerciali ed i residenti.

Criticata anche la manutenzione ordinaria delle strade, scalinate, vicoli e piazzette, giudicata come inesistente, e che in alcuni casi risultano pericolose per la pubblica incolumità.

Denunciato anche la situazione di stallo relativa alla zona occupata attualmente dall’intero stabile dell’ex ospedale civile: l’attuale stato di degrado ed abbandono in cui versa la struttura lascia serie perplessità sull’esistenza di un progetto di “rigenerazione urbana” nella parte alta del Corso Matteotti.

Un altro punto preso in analisi è quello dei percorsi turistici, che risultano essere poco segnalati: “Per coloro che abitano nei dintorni dei locali della cosiddetta movida sembrerebbe quasi un diritto negato, quello di vivere nella quiete e di riposare la notte dal giovedì al sabato. L’Amministrazione Comunale, a questa situazione, ha finora dato risposte evasive deresponsabilizzandosi su norme e regolamenti”  dicono i membri del Comitato, i quali affermano di volersi attivare a breve per incontrare i gestori dei locali e costruire con loro un percorso di rispetto condiviso, con l’auspicio di assistere ad un anno ricco di confronti positivi e costruttivi per la città.

 

A cura di Giovanna Borrelli

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.