Il Club Scherma di Jesi ospita la nazionale tedesca

JESI – Il Club Scherma di Jesi ospita la nazionale tedesca per uno stage al Palascherma di Via Solazzi dal 15 al 21 aprile, insieme ad atleti spagnoli, americani, francesi e italiani.

Ieri sono iniziati gli allenamenti per la nazionale tedesca di scherma che fino al 21 aprile sarà ospitata dalla città di Jesi per allenarsi con i campioni dell’UBI Banca Club Scherma Jesi, insieme ad atleti delle nazionali di America, Francia, Spagna. Presenti alla conferenza di presentazione alcuni esponenti dell’Ubi Banca, sponsor da più di vent’anni del Club Scherma Jesi, alcune tra le più importanti figure della scherma e l’assessore allo sport di Jesi: Alberto Proietti Mosca, presidente del Club Scherma;  Giovanni Bortolaso, allenatore della nazionale tedesca; Ugo Coltorti, assessore allo sport; Roberto Gabrielli, responsabile Ubi Banca Marche-Abruzzo; Maurzio Dellabella, responsabile comunicazione Ubi Banca; le campionesse Elisa Di Francisca e Giovanna Trillini.

Giovanni Bortolaso

La nazionale tedesca è arrivata a Jesi con dieci atleti, due ragazzi e sei ragazze, fra cui le fiorettiste Ebert Leonie e

Sauer Anne, in preparazione dei campionati europei di scherma previsti a giugno a Dusseldorf e dei campionati mondiali in programma a luglio a Budapest: «Io qui mi sento come se fossi a casa – commenta Bortolaso – qui non c’è tensione e si lavora bene, ci sarà sicuramente una crescita sia culturale che tecnica per i ragazzi perché qui c’è l’aspetto creativo che in Germania manca e i ragazzi lo percepiscono». La loro decisione di fare il ritiro tecnico proprio a Jesi sta a confermare che il palazzetto della scherma di Jesi è diventato un vero e proprio centro di alta specializzazione dove vengano ad allenarsi i migliori atleti da tutto il mondo: «Il cambiamento lo si respira non appena si entra – commenta l’assessore Coltorti – vedendo tanti campioni allenare i giovani atleti, tramandando le loro preziose conoscenze sportive». Ma il cambiamento lo si percepisce ancora prima, all’ingresso sono state allestite delle sale che ripercorrono la storia e i grandi campioni della scherma, allestito in collaborazione con la Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi. E dunque, le attività sportive che si intrecciano con quelle del territorio, per una sinergia che funziona: «Il Club scherma si sta riorganizzando per far sì che questa attività sia un punto di partenza – spiega Dellabella Maurizio – ed è vitale perché le continue frequentazioni di atleti stranieri fanno sì che si unisca l’interesse per lo sport con quello per il territorio». Infatti, il Club si sta preparando per un’altra ondata di atleti provenienti dai 5 continenti che arriveranno in estate per il Fencing Summer Camp: «150 atleti, che hanno fatto registrare il sold out dell’evento, arriveranno nella settimana a cavallo tra luglio e agosto – commenta il presidente del Club Scherma – un appuntamento organizzato con la collaborazione di Esitur per portare sempre più persone nella nostra città». Inoltre, al Club di Jesi stanno arrivando molte richieste da interi club in Cina che vorrebbero venire a Jesi per allenarsi, motivo per cui il camp estivo sarà preceduto da una settimana di pre-corso in cui verranno ospitati quanti più possibili atleti cinesi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*