Il Comune tutelato sui crediti da Tributi Italia

JESI – Anche Jesi risulta tra i circa 400 Comuni creditori di Tributi Italia, per un importo di circa 300 mila euro. Ma si trova oggi in una posizione che la pone sotto tutela. Tutto ha avuto inizio nel 2006, quando questa società, con l’allora nome di San Giorgio, aveva costituito una associazione temporanea d’impresa (Ati) con un altra società denominata Aipa e si era aggiudicata l’appalto triennale dei servizi di occupazione suolo pubblico, affissioni e pubblicità. Alla conclusione del contratto, l’Ati risultava in ritardo nei pagamenti di quanto dovuto al Comune per oltre 400 mila euro. Già allora il Comune si è mosso su tre fronti: civile, penale e contabile.

Sotto il profilo civile, ha escusso la polizza fidejussoria di 80 mila euro ed ha emanato due decreti ingiuntivi: l’uno per 68 mila euro, incassato, l’altro bloccato a seguito dell’amministrazione controllata di Tributi Italia.

Dal punto di vista penale, il Comune ha denunciato alla Procura della Repubblica Tributi Italia per peculato, costituendosi parte civile. Il procedimento è ancora in corso.

Infine il Comune ha presentato una denuncia anche alla Procura presso la Corte dei Conti contro Tributi Italia. La Sezione giurisdizionale per le Marche ha emesso la sentenza di primo grado nell’aprile scorso, condannando in solido le due società costituenti l’Ati al risarcimento di 600 mila euro, riconoscendo al Comune di Jesi il diritto di percepire non solo le somme non dovute, ma anche l’aggio spettante all’Ati stessa. Sulla base di questa sentenza, che contemplava i beni di proprietà delle due società che costituivano l’Ati, il Comune ha esercitato il pignoramento di un immobile al centro di Milano di proprietà dell’Aipa, il cui valore risulta essere tale da coprire interamente il credito vantato dal Comune stesso.

Comunicato da: Comune di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.