Il croccante…a San Settimio | | Password Magazine

Il croccante…a San Settimio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

INCONTRIAMOCI IN CUCINA

A cura della dott.ssa Letizia Saturni –Nutrizionista e Health Coach

Oggi a Jesi è Festa. Si Festa del Patrono e allora attingo al quadernino di nonna [Angela!] che per la festa del patrono, San Settimio appunto, cercava di competere con le rumorose quanto colorate bancarelle e preparava … il croccante.

San Settimio e le bancarelle sono una tradizione ormai secolare che mescola aspetti di vita pubblica e religiosa e alla quale non si può certo rinunciare.

Vi racconto

La più antica tradizione vuole che Settimio sia nato a Treviri, in Germania nell’anno 250 e dopo aver intrapreso la carriera militare -che a breve abbandonò – fu consacrato vescovo ed inviato a Jesi. Nel 304 denunciato come nemico dell’impero di Roma fu condannato alla decapitazione che avvenne là dove Settimio fece zampillare acqua sorgiva [attuale ponte San Carlo] mentre le persone gli chiedevano di ricevere l’acqua del battesimo.

Gli storici moderni sostengono piuttosto che il vero San Settimio sia piuttosto quello vissuto in Dalmazia e martirizzato a Spalato nel 304. Il suo culto sarebbe stato introdotto a Jesi nel 600.

Al di là delle discusse origini per noi jesini San Settimio è tutore spirituale e porta con se una aria di festa! Le strade e le vie e le piazze del centro storico e a ridosso delle mura si riempiono di prodotti di ogni tipo e per tutti i gusti.

A me tutto rimanda al quel piacevole profumo di croccante alle mandorle e miele e così oggi lo condivido con Voi. Lo si può preparare anche durante l’anno e farlo essere ottimo e pratico spuntino oppure ottima fonte di energia di pronto uso per gli sportivi.

INGREDIENTI – 4 PERSONE

300g mandorle

150g zucchero

180g miele d’acacia

succo di 1 limone

Disponete le mandorle in una teglia foderata con un foglio di carta da forno e lasciate tostare per circa 5 minuti in forno pre-riscaldato a 180°C. Attenzione le mandorle NON devono scurirsi!

Nel frattempo

  • Preparare il caramello facendo sciogliere a fuoco lento zucchero e miele fino ad ottenere un composto fluido e dal colore biondo.

Pronto il caramello versate le mandorle tostate e mescolate bene facendo attenzione a che ogni mandorla sia ben inglobata.

Stendete la pasta così ottenuta in una teglia rivestita di carta oleata e lasciate raffreddare bene.

Tagliatelo a losanghe o barrette.

Il vostro croccante di San Settimio è pronto per essere gustato

Buon Patrono a Tutti Voi, cari lettori ☺

Per appuntamento: 347 4351576 – www.letiziasaturni.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.