Il diario della verità perduta, un romanzo da non perdere

Intervista a Giacomo Fratini, esordiente autore jesino

JESI – Già dalle prime righe, ci si sente trascinati lontano, nel tempo e nello spazio. La voce narrante del protagonista, l’abate Bernard Valois, irrompe sulla scena, solitaria e venerabile, pronta a confessare un antico segreto, da consegnare alle pagine del suo diario. Si tratta dell’opera d’esordio di Giacomo Fratini, Il diario della verità perduta, edito da Edizioni Efesto, un romanzo storico di sapore gotico, che prende le mosse dalla Provenza dell’Ottocento. Quando ha cominciato a scrivere e perché? «Cominciai a scrivere delle poesie durante il primo anno delle medie. All’inizio ricercavo soprattutto la rima e l’armonia che scaturisce dalle parole. La passione per la narrativa invece la maturai qualche anno più tardi. Dal secondo liceo, ispirato da alcuni fatti storici densi di enigmi, cominciai a pensare ad una storia che in qualche modo riuscisse a spiegare quegli avvenimenti. Un anno e diverse letture più tardi trasformai quelle vaghe idee nell’inizio di un romanzo». Quali sono i suoi modelli? «Un romanzo storico carico di mistero, come il mio, non può non prendere come riferimento “Il nome della rosa” di Eco. Altri autori da cui ho imparato molto sono Bram Stoker, soprattutto per quanto riguarda descrizioni e atmosfere, e Carlos Ruiz Zafon per la caratterizzazione dei personaggi». Perché un’ambientazione tanto “esotica”? «Volevo trasportare il lettore in un ambiente lontano, dove l’assenza delle moderne tecnologie lasciasse spazio a una quotidianità rurale, intrisa di superstizioni e leggende. La Provenza di fine ‘800 mi è sembrata l’ambientazione più adatta per raccontare la scoperta di un segreto molto più antico». Che funzione ha per lei la scrittura? «Considero la scrittura il frutto di un modo di vivere che probabilmente accomuna ogni scrittore. Sto parlando dell’attitudine all’osservazione più attenta. Un’osservazione che è sia esteriore che interiore e che in entrambi i casi rintraccia dettagli importanti della nostra vita quotidiana. Quando osservando si rimane davvero affascinati da qualcosa, scrivere diventa un’esigenza». Altri romanzi nel cassetto? «Assolutamente sì! Sono al sesto capitolo del mio secondo romanzo.  È un thriller psicologico che fonde intrighi politici e un susseguirsi di avvenimenti di origine misteriosa. Ma la vera novità rispetto al primo è che sarà ambientato nell’Italia della nostra epoca e anzi molti fatti si svolgeranno proprio nella nostra regione».

A cura di Marco Torcoletti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*