Il figlio di Morosetti: «Mio padre amava Jesi: il suo voleva essere un dono, non un ricatto» | Password Magazine

Il figlio di Morosetti: «Mio padre amava Jesi: il suo voleva essere un dono, non un ricatto»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
fontana leoni
JESI – Fontana delle leonesse, scoppia il dibattito sulla pagina social di Piazzalibera, il comitato cittadino nato contro lo spostamento in piazza della Repubblica. Discussione cui interviene a sorpresa anche il figlio di Cassio Morosetti, Roberto.
«Purtroppo ho letto tante inesattezze su di lui e anche parecchie affermazioni offensive» è il motivo che lo spinge a scrivere.
«Ritengo che mio padre non abbia tenuto conto del fatto che una città è un organismo vivente, pulsante, che appartiene ai cittadini che la abitano. Non voleva fare alcun dispetto a nessuno. Forse, semplicemente, non ha compreso fino in fondo che i suoi ricordi di ragazzo non erano e non sono una giustificazione sufficiente.
«Un’ultima cosa: in questi mesi gli ho visto dare troppe volte del “fascista”. Mio padre dal dopoguerra in poi ha sempre votato a sinistra».
E aggiunge: «Né mio padre né io ci aspettavamo un tale dissenso da parte della cittadinanza di Jesi.
Sinceramente, e vi prego di credermi, l’intenzione di mio padre era quella di fare un regalo alla città.
Non c’è stato alcun ricatto. Mio padre riteneva che riportare un antico manufatto nella sua collocazione originaria fosse qualcosa che la città avrebbe gradito». Nel commento riportato sulla pagina, Roberto spiega anche la questione del vincolo temporale per la realizzazione dello sposamento: «Fu un’idea del notaio che redasse il testamento».
Il figlio del fumettista mecenate che, prima ancora del lascito aveva donato alla città altri 800 mila per la realizzazione del centro Alzheimer, si dice ora «disorientato»: «Perché da una parte il dovere morale, etico, di figlio mi impone di stare dalla parte di mio padre – spiega – . Non posso schierarmi contro quello che fu un suo desiderio coltivato per anni, trasformatosi alla fine in un ultimo desiderio. Per cui la mia speranza è quella che lo spostamento della fontana giunga al termine nei tempi previsti dal testamento. Penso che tutto questo sia ovvio. Dall’altra parte, però, non posso essere sordo alle legittime proteste da parte della cittadinanza».

«Il cuore mi porta dalla parte di mio padre. La ragione mi spinge dalla parte vostra. Onestà intellettuale mi obbliga a dire che avete ragione voi».

Roberto Morosetti aggiunge che per lui sarebbe un dolore sapere che questa vicenda potrebbe portare gli jesini a nutrire astio verso il padre: «Non lo meriterebbe. Amava Jesi. Raccontava spesso che la notte, faticando a prendere sonno, ripercorreva con la mente le strade, le piazze, i palazzi della Jesi della sua memoria di bambino e di adolescente. Vorrei che questa vicenda, comunque si concluda, non lasciasse un’onta sulla figura di mio padre.
Ripeto: mio padre amava Jesi. Forse in tutta questa vicenda c’è stato qualcosa di sbagliato, ma di sbagliato in buona fede».
E a noi è sembrato giusto dare voce , in tutto questo dibattito, anche a un figlio che intende difendere la memoria del padre. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.