“Il Grande Verdicchio” appuntamento irrinunciabile per gli amanti del vino

CUPRAMONTANA – Ancora “Il Grande Verdicchio”, appuntamento irrinunciabile per approfondire il più importante dei vini bianchi dell’Italia Centrale All’interno del programma dell’81esima Sagra dell’Uva, da giovedì 4 a domenica 7 ottobre, anche 2 appuntamenti per discutere delle peculiarità del Verdicchio dei Castelli di Jesi della zona di Cupramontana con i produttori del territorio e con alcuni dei più attenti giornalisti del vino italiani. Diversità e unicità, è con queste parole chiave che torna “il Grande Verdicchio”, serie di approfondimenti che dal 2011 accompagnano la Sagra dell’Uva di Cupramontana.

Incontri che ormai fanno parte della sua tradizione e che nel corso degli anni hanno permesso ai partecipanti di toccare con mano le peculiarità dei prodotti di un territorio unico nel panorama dei vini bianchi italiani. Venerdì 5 ottobre il primo dei 2 laboratori previsti. Francesco Falcone, degustatore indipendente, divulgatore e scrittore, dedicherà un approfondimento ai bianchi prodotti lungo il versante adriatico. Un’area geografica tanto vasta quanto stimolante che oggi più che mai riesce ad esprimere alcuni dei più interessanti vini bianchi d’Italia. Non solo Verdicchio quindi, ma una panoramica che geograficamente inizia con il Carso triestino e che si estende fino alle coste abruzzesi per fare luce sulla vocazione di una zona tanto ampia quanto affascinante, in parte ancora da scoprire. Sabato 6 ottobre Antonio Boco, critico enogastronomici e storico collaboratore della guida I Vini d’Italia del Gambero Rosso, andrà alla scoperta di quelle che possono essere le differenze più importanti all’interno dell’ampia area dei Castelli di Jesi. Quello del Verdicchio è infatti un territorio tanto ampio quanto sfaccettato, che si estende dal Mare Adriatico fino a quelle colline che nell’entroterra guardano ai rilievi appenninici. Una zona che grazie ai suoi contrasti è capace di offrire vini di particolare diversità espressiva in un contesto di straordinaria complessità. Un’occasione per parlare dei Verdicchio prodotti nell’areale di Cupramontana confrontandoli con un certo numero di vini prodotti in alcuni dei più rilevanti comuni della denominazione.

Tutti gli appuntamenti si terranno presso Enocupra, spazio all’interno del MIG – Musei in Grotta di Cupramontana. Un’area ricavata nelle Grotte del Convento di Santa Caterina gestita da La Strada del Gusto di Cupramontana e nata per valorizzare le produzioni vitivinicole del territorio, oggi attrezzata per accogliere i visitatori di Cupramontana e per far assaggiare loro un gran numero di vini in un affascinante e completo percorso di degustazione. – I laboratori sono a numero chiuso con prenotazione da effettuarsi entro mercoledì 3 ottobre. Il loro costo è di 15 euro (oltre al biglietto d’ingresso alla Sagra dell’uva), da versare all’inizio di ogni serata. Nelle serate di giovedì e di domenica sarà possibile degustare presso l’enoteca tutti i Verdicchio prodotti nel comune di Cupramontana.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*