Banner Aprile IH Victoria

Ponte Morandi, il lavoro dei cani tra le maceri raccontato dai Vigili del Fuoco

ANCONA – Ieri mattina, presso la Direzione regionale vigilfuoco delle Marche, è stata indetta una conferenza stampa avente come tema l’attività dei Nuclei Cinofili dei pompieri delle Marche nel tragico scenario di Genova, a seguito del crollo di alcune campate del Ponte Morandi.

Ha presieduto la conferenza l’ing. Pierpaolo Patrizietti, Comandante dei vigili del fuoco di Macerata ed attualmente facente funzione del Direttore regionale, assente per ferie.

Sempre da parte dei vigili del fuoco, erano presenti l’arch. Giuseppe Del Brocco, dirigente addetto alla Direzione, il Capo Reparto, responsabile dei vigili del fuoco della Comunicazione in Emergenza e tre operatori cinofili, tra i cinque che hanno operato nello scenario di Genova.

Uno dei tre operatori ha illustrato brevemente il lavoro dei cani. Di questi preziosi animali, in questo caso più che mai amici dell’uomo, vengono gestite alla massima potenza le loro principali caratteristiche, ossia l’elevato, naturale e ancestrale affiatamento con l’uomo e, naturalmente, il preziosissimo olfatto.

In sintesi, il cane è sostanzialmente addestrato ad abbaiare quando percepisce, nelle insidiose montagne di macerie di ogni tipo, gli “effluvi” rilasciati da un corpo umano ancora in vita.

Quando un animale segnala, appunto con un abbaio, la probabile presenza di una persona viva (perché ne percepisce l’effluvio), un secondo cane, precedentemente assente in quel punto, ne deve dare conferma: se ciò avviene, si è quasi certi della presenza di un vivo in quel settore, e naturalmente le operazioni di smassamento delle macerie vengono effettuate con la massima cautela, onde tentare in tutti i modi di portare in superficie, ed in sicurezza, quella persona. E questo, quasi sempre, usufruendo dei sommozzatori delle macerie, ossia delle specializzatissime squadre USAR VVF (Urban Serach and Rescue).

I cani, nel modo di operare descritto, riescono a perlustrare settori molto ampi dello scenario emergenziale, ed hanno l’insostituibile funzione di selezionare amplissimi settori del campo delle operazioni dove poter/dover operare in un modo piuttosto che in un altro.

Ma soprattutto fanno rapidamente concentrare gli sforzi sui “vivi”, onde salvarli, aspetto che notoriamente rappresenta la ragione stessa dell’esistenza dei Vigili del Fuoco.

Nello specifico, cioè nel tragico scenario del Morandi, purtroppo non ci sono state segnalazioni di questo tipo e quindi ritrovamenti di persone vive: pur tuttavia, anche se non sono addestrati per il ritrovamento di persone decedute, i cani quando risalgono in superficie hanno degli atteggiamenti, diremmo, subliminali, che il conduttore (cioè l’operatore cinofilo) sa percepire.

Questo fatto, assieme ad altri indizi, fa indirizzare i colleghi verso la ricerca pietosa delle spoglie di una qualche persona deceduta situata in quel dato punto: tali eventi sono invece purtroppo occorsi, in quel di Genova.

A Genova, su 6 coppie VVF uomo/cane delle Marche sono accorse prima 3 e poi, in alternanza di servizio, 2: ora il lavoro dei cinofili, di tutti i cinofili, è terminato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.