Il leone è tornato a ruggire in Piazza dell’Indipendenza

JESI – Terminati i lavori per il monumento ai Caduti delle Guerre di Indipendenza davanti al Municipio di Jesi in  Piazza dell’Indipendenza.

Tornare a vedere il leone finalmente pulito e rileggere chiaramente le scritte incise sul marmo è motivo di orgoglio per la città e soprattutto sintomo di un forte senso di appartenenza alla comunità. Ma a chi si deve dare il merito di tutto ciò? I protagonisti sono vari: in primis il Consorzio Servizi Vallesina che ha finanziato il restauro tramite l’Art Bonus e di seguito coloro che hanno effettivamente restauro il leone, l’Alchemy s.n.c. di Fermo e la Leonardo s.r.l. di Bologna. Si è svolta ieri la cerimonia ufficiale nella sala consiliare del Municipio con il Sindaco Massimo Bacci, l’assessore alla cultura Lucs Butini, la responsabile dei musei civici Romina Quarchioni, lo storico dell’arte Attilio Coltorti, Enrico Filonzi del Consorzio Servizi Vallesina e la restauratrice Adele Galetti della Leonardo s.r.l. L’amministrazione comunale ha sottolineato quanto sia importante portare avanti opere del genere: “E bisogna ricordarsi che il Comune di Jesi è stato il primo in Italia a fruire dell’Art Bonus nel 2014”, commenta l’assessore alla cultura Luca Butini. “Si tratta di una misura che favorisce il mecenatismo culturale e sostiene la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della culturale e il rilascio del turismo – prosegue il sindaco Massimo Bacci – e quindi è doveroso ringraziare chi ha reso possibile il restauro di questo pezzo di storia di Jesi”.

Il restauro ha ridato splendore al monumento ridando vita alla firma dell’artista Ottaviano Ottaviani che ha ideato l’opera nel 1884, i nomi dei caduti nello scudo e ai bellissimi dettagli del leone. Il monumento è stato illuminato per far capire ancora di più il grande lavoro che è stato fatto grazie alla “Flow Solution” di Jesi di Marco Ramazzotti che ha fornito attrezzatura e materiali e all’azienda “Performance in Lighting”, referente Riccardo Memè agente per le Marche, che si è occupata della progettazione.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*