Il Liceo artistico di Jesi porta "Il Falco di Federico II" a Waiblingen | Password Magazine

Il Liceo artistico di Jesi porta “Il Falco di Federico II” a Waiblingen

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Una delegazione jesina è in partenza per Waiblingen: tra due giorni, una piccola rappresentanza degli studenti del Liceo Artistico “Edgardo Mannucci” di Jesi, accompagnati dal loro docente Massimo Ippoliti, daranno spicco alla personalità artigianale jesina in terra tedesca.

Dal 15 al 19 Giugno, gli studenti parteciperanno al concorso nazionale “Arte Orafa & Formazione”, a cura dell’agenzia per i servizi della Moda Art&Work: i giovani dell’istituto, selezionati tra 10 finalisti, concorreranno con la Collezione dedicata all’imperatore Federico II, nella città che ha dato i natali alla famiglia Hohenstaufen . In occasione verrà anche presentato il gioiello “Falco di Federico II”.

Alla giuria del concorso per la prima volta parteciperanno i maggiori orafi dell’arte jesina:  Tittarelli, Gentili, Marchegiani, Qirat Gioielli, Vanità, Zamponi, Catalani insieme ad altri artigiani provenienti da Ancona, Fossombrone, Pesaro e Senigallia.

“La personalità di Jesi nella sua arte orafa verrà rafforzata a Waiblingen. I concorrenti jesini saranno i nuovi eredi del nostro artigianato” esprime in sede di conferenza stampa l’assessore alla Cultura Luca Butini.

“Sia il Falco di Federico II che l’intera collezione sono frutto di un progetto didattico, curriculare. La mia idea è stata però quella di  collegarsi al nostro territorio e sviluppare una collezione in omaggio a Federico II” spiega il professor Maurizio Catani, docente di Discipline progettuali e Design presso il liceo e coordinatore del progetto.

Nel mese di settembre poi, in Piazza della Repubblica, la collezione sarà presentata alla città durante due serate di sfilate, nei giorni 14 e 15.

Nei quattro giorni di permanenza a Waiblingen, il professor Ippoliti contribuirà nell’arricchimento del monumento “Lion Gate”, inaugurato un anno fa a Waiblingen, scolpendo nella parte posteriore del monumento due fiumi, simbolo dell’accoglienza e dell’alimentazione delle attività artigianali.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.