Il Liceo Scientifico dice no al doping con «Scatti di Salute»

JESI- Presentato oggi, in sede di conferenza stampa, il progetto nazionale di UISP (Unione Italiana Sport per tutti) «Scatti di salute» che coinvolgerà, a partire dal prossimo mercoledì 19 Febbraio, e fino a Maggio, altre quattro città italiane: Novara, Oristano, Pescara e Reggio Calabria.

Realizzato in collaborazione con il Ministero della Salute, «Scatti di salute»  ha lo scopo di educare ed informare sulla prevenzione del doping e dell’inquinamento farmacologico in ambito sportivo, rivolgendosi ai giovani, tramite i giovani.

Ben 4 le classi coinvolte, del Liceo Scientifico «Leonardo Da Vinci», degli indirizzi Sportivo e Scienze applicate, per un totale di circa 80 studenti: all’interno di questo contenitore didattico loro non saranno semplicemente dei fruitori, ma saranno attori nel realizzare delle campagne di comunicazione, rivolgendosi appunto ai loro coetanei, seguendo la metodologia della peer education.

Campagne di comunicazione che saranno realizzate, come indicato dal nome del progetto, attraverso degli scatti fotografici, o dei filmati, a discrezione degli studenti coinvolti. Che sia il proprio cellulare o una reflex, gli scatti fotografici permetteranno loro di esprimersi come preferiscono.

«Parla il vostro linguaggio- spiega l’Assessore allo Sport Ugo Coltorti, rivolgendosi agli studenti presenti- ed è un progetto importante, intanto perché rientra nel vostro programma didattico, ma soprattutto vi aiuta a capire che la competenza, in qualsiasi settore della vita, si acquisisce solo studiando e migliorandosi in campo. Nella vita bisogna anche saper accettare le sconfitte. Esiste poi quella che io chiamo la regola del numero 10: ognuno di noi nasce con una predisposizione particolare, che va nutrita solamente con passione e competenza, e nient’altro».

Concorde con il messaggio di Coltorti anche Claudio Coppari di UISP: «Conoscere le regole e saperle sempre rispettare è alla base di ogni disciplina sportiva” – ha commentato.

In questo percorso gli studenti e i docenti si vedranno affiancati con incontri con figure esperte del settore, come medici sportivi e responsabili Asur, avranno modo di visionare i progetti realizzati gli scorsi anni.

A fine progetto i lavori realizzati verranno esposti all’interno di una mostra locale: alcuni di questi, che saranno giudicati come i migliori o i più interessanti, parteciperanno all’evento fotografico nazionale.

Attraverso la somministrazione di questionari di valutazione prima e dopo il progetto, si potrà comprendere l’impatto del progetto sui ragazzi, che potranno nel contempo sviluppare le proprie competenze creative e fotografiche.

«Sebbene nel mondo giovanile non si verifichi l’abuso di doping, quanto piuttosto di integratori, capaci di migliorare le prestazioni sportive, l’intento del progetto è rendere i giovani consapevoli della mentalità che gira dietro la scelta di fare uso di sostanze improprie, che non fanno bene alla loro salute, e portano anche a conseguenze estreme»  ha spiegato Luigi Centanni, Coordinatore Locale del progetto.

La realizzazione del progetto, giunta alla sua dodicesima edizione, non esclude la possibilità di creare una rete di partner territoriali che possano collaborare sul tema.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.