Il maestro Pietro Montesi, l'ultimo cordaro di Jesi | | Password Magazine
Banner4Baffi

Il maestro Pietro Montesi, l’ultimo cordaro di Jesi

JESI – Si chiama Pietro Montesi ed è l’ultimo cordaro di Jesi. Oggi ha 82 anni e, in occasione della Festa del Cordaro, in questi giorni al quartiere “Prado”, ricorda con noi la sua giovinezza, quando praticava questo antico mestiere insieme al padre e al nonno in via dei Cordai.

“Era un lavoro duro e faticoso, che si praticava all’aperto, sia con il sole che con la pioggia – racconta Montesi – Non si guadagnava neanche tanto, giusto quanto bastava per mandare avanti la famiglia”.

Pietro aveva 15 anni quando iniziò per la prima volta a lavorare la corda: erano gli anni Cinquanta e Jesi era ancora un importante distretto produttivo europeo di corde di canapa, nonchè, si dice, fornitore della Marina inglese.

In passato, la canapa era seconda solo al grano per importanza, nella tradizione mezzadrile del Paese: “Si andava per mercati, a Cupramontana, a Poggio San Marcello, ad Apiro… la corda si vendeva al chilo – racconta lo jesino – A comprarla erano sopratutto i contadini, che la utilizzavano per il lavoro nei campi,  ma capitavano anche commissioni importanti: ricordo che il Teatro dell’Opera di Roma ne acquistó da noi per sollevare il sipario”.

Un mercato che però lentamente andò esaurendosi, con la progressiva sostituzione delle corde di canapa con quelle in nylon: e per i cordai si spense ogni prospettiva di futuro. “Lavorai come cordaro per circa vent’anni, poi, non essendoci più lavoro, mi diedi al commercio ed aprii un negozio di articoli sanitari – racconta Pietro – Nessuno dei miei figli praticò questa arte, in quanto oramai non serviva più ad un mestiere e così oggi sono rimasto solo io”.

Pietro viene chiamato spesso nelle scuole cittadine, è stato persino invitato  per una dimostrazione a Perugia: “I bambini, quando racconto di quanto fosse duro il mestiere, mi dicono che ero pazzo. Ma all’epoca, non c’erano molte altre possibilità, se si voleva portare il pane a casa, e ci si avviava al lavoro molto presto”.

Domenica la tradizione del Cordaro si farà di nuovo viva e si ripeterà con il maestro Pietro Montesi che, alle 21.00, con l’invito “Famo a corda”  coinvolgerà tutti i presenti in un rituale storico, patrimonio immateriale jesino.

C.C.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.