Il miglior bianco italiano? Per il New York Times è il Verdicchio | Password Magazine
Festival Pergolesi

Il miglior bianco italiano? Per il New York Times è il Verdicchio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

VALLESINA – Nel nostro territorio lo sappiamo da tempo ed i diversi premi, arrivati nel corso degli anni, ce lo confermavano sempre di più: il verdicchio è uno dei migliori vini bianchi del mondo. Ora la conferma arriva anche dal New York Times che, tramite le parole del giornalista Eric Asimov, lo celebra così:  “Il Verdicchio è probabilmente il più grande vitigno autoctono bianco italiano”.
Sapido, minerale, con una grande persistenza aromatica e olfattiva, un vino con un’ottima capacità di invecchiamento, rara da trovare in un bianco. Accanto alla denominazione principale (Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc) c’è la più piccola, ma altrettanto preziosa, denominazione del Verdicchio di Matelica Doc, espressione fiera di un territorio che si divide tra la montagna e il mare.

Cosi Asimov: “questo vino è uno dei protagonisti della rinascita dei vini bianchi italiani degli ultimi 20 anni, una vera rivelazione”. Dalle colline marchigiane alla grande mela, nell’articolo vengono citate, come esempio per approfondire la conoscenza, il Verdicchio di Matelica Le Salse 2018, della Cantina Belisario, presente sul mercato italiano con cinque differenti tipologie,il Verdicchio di Matelica 2018 di Bisci, in regime biologico, infine il Verdicchio di Matelica 2019 dell’azienda Collestefano: riconosciuto come uno dei migliori della denominazione è un punto di riferimento.

Presenti nella classifaca dei migliori 11 del New York Times le seguenti cantine: La Staffa, Villa Bucci, Pievalta, Garofoli, Fontezoppa, Fattoria San Lorenzo, Velenosi e Umani Ronchi.

1 Commento su Il miglior bianco italiano? Per il New York Times è il Verdicchio

  1. Se mi è permesso tra tea il miglior verdicchio da spicco il tralivio e il banciala dell’azienda Sartarelli che qualche anno addietro ha avuto grande riconoscimento a New York al Wine wild…..

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.