Il Movimento 5 Stelle presenta la squadra di governo al fianco del candidato Sindaco Luca Bertini | Password Magazine

Il Movimento 5 Stelle presenta la squadra di governo al fianco del candidato Sindaco Luca Bertini

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Fatta la squadra di governo del Movimento 5 Stelle se a farcela, in questa prossima tornata amministrativa, sarà il candidato Sindaco, Luca Bertini.

Il quale avocherà a sé le deleghe inerenti la Protezione Civile, Sanità, Polizia Municipale, Sicurezza, Bilancio e Partecipate.

Ad affiancarlo saranno:

Claudia Lancioni, 39 anni  (vice Sindaco) –  Servizi Sociali, Inclusione Scolastica e Lavorativa, Sport

Michele Giacchè, 41 anni – Commercio, Sviluppo Economico, Lavoro, Attività Produttive

Massimo Gianangeli, 47 anni, non in lista –  Gestione del Territorio, Mobilità, Rifiuti

Renata Perlini, 49 anni – Cultura, Turismo, Associazionismo, Pari Opportunità

Giacomo Casci, 47 anni, non in lista – Risorse Umane, Trasparenza e Partecipazione, Regolamenti

“Tutte persone qualificate – ha affermato Bertini in sede di presentazione – che avrò al mio fianco in caso di vittoria. D’altronde alcuni di loro si sono già presentati in sede di dibattito con gli altri candidati. Questo perché a tutti si dà la possibilità di emergere, di mostrare le competenze che possiedono”.

Il candidato Sindaco del Movimento ha voluto anche sottolineare il fatto che “se vinceremo non  sarò solo io a vincere ma le idee dei cittadini, tutto quello che ci hanno detto durante i nostri banchetti nel corso del tempo. Da noi non decidono le segreterie dei partiti. Siamo presenti capillarmente sul territorio con una rete orizzontale ma anche con una rete verticale che ci collega alla Regione, al Paese, all’Europa”.

Gli assessori in pectore hanno espresso la loro linea d’azione immediata. Nessuna attesa. Dal giorno dopo – dicono – ci si rimbocca le maniche e si comincia a lavorare per la città.

E i primi passi importanti saranno “sensibilizzare a una cultura della disabilità – ha affermato Claudia Lancioni – perché Jesi è tutta una barriera architettonica. E, poi, dare il via a un progetto di adozione familiare che permetta un sostegno a quanti hanno a che fare tutti i giorni con il problema della disabilità e a quello della residenza di qualità per disabili, che serva a ospitare soprattutto chi è solo. Un altro aspetto, il prolungamento, anche estivo, di materne e asili, con il coinvolgimento in stage di studenti degli istituti superiori”.

Massimo Gianangeli, capogruppo uscente che non si è ricandidato, precisa subito che “avevo detto comunque che sarei rimasto a disposizione del Movimento il quale mi ha chiesto questo impegno. Nella Gestione del Territorio si integrano e si inglobano l’urbanistica, i lavori pubblici, l’ambiente a proposito del quale va subito impostata una politica di risanamento da coniugare con il principio di precauzione, un metodo preventivo necessario. Sicuramente uno dei primi passi sarà anche l’aspetto importante della sicurezza relativa agli edifici scolastici. La situazione è critica, molti plessi non hanno l’agibilità: di chi sono le responsabilità? Possibile che non se ne venga mai a capo? E, poi, i parcheggi rosa, per gestanti  o mamme con figli sino a un anno, mai andati in Giunta nonostante fossero pronti”.

Per Michele Giacchè “ci si è dimenticati del lavoro. E il primo passo sarà quello di intervenire con il reddito di cittadinanza che discuteremo con le parti sociali per capire come intervenire e come reperire i fondi necessari. Ci sarà anche una consulta economica per far ripartire le imprese, il commercio, l’artigianato: l’intervento pubblico sarà un volano sul quale punteremo, insieme all’innovazione e alla partecipazione. Bisognerà anche prospettare una No Tax Area mirata con sgravi fiscali per quanti hanno resistito alla crisi e sono da tempo sul territorio”.

Renata Perlini, dal canto suo, punta sul fatto che “la cultura include tutto, perché significa avere consapevolezza della propria città, essere più responsabili. Attueremo un maggiore coordinamento tra pubblico e privato, ridefiniremo il rapporto con la Fondazione Pergolesi Spontini per una maggiore trasparenza relativa a progetti e spese e alla riqualificazione della pinacoteca di Palazzo Pianetti. Inoltre, un bando per la riapertura dell’ostello di Villa Borgognoni”.

“Credo molto nelle motivazioni – ha affermato Giacomo Casci – si raggiungono meglio gli obiettivi e sarà necessario accorciare le distanze tra personale e Comune incentivando l’impegno di chi ci lavora con l’apertura all’ascolto, alla partecipazione, alla condivisione. Inoltre realizzeremo la vera trasparenza con la gestione on line di tutti gli atti comunali, come non è mai stato fatto sino ad ora”.

Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.