Il Museo Stupor Mundi in rete con i comuni colpiti dal sisma: un progetto per il 2020 | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Il Museo Stupor Mundi in rete con i comuni colpiti dal sisma: un progetto per il 2020

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Federico II, Museo Stupor Mundi

JESI – Il Museo Stupor Mundi e le tracce degli svevi nelle Marche al centro di un progetto di valorizzazione dei comuni colpiti dal sisma.

Dalla Regione Marche, infatti, sono in arrivo 130 mila per la realizzazione di un itinerario che metterà in rete 13 comuni e che avrà come punto di riferimento il Museo Federico Stupor Mundi di Jesi . Si chiama «Le Marche del Medio Evo e dei borghi nel segno di Federico II» il progetto che coinvolgerà nella pianificazione Comune di Jesi e Fondazione Federico II Hohenstaufen e che prevede un percorso che, partendo da Jesi, accompagnerà i turisti sulle tracce delle testimonianze sveve tra i luoghi della regione. Un’iniziativa che farà della città anche un importante motore da traino per la valorizzazione delle località colpite dal sisma.

L’ itinerario «si snoda all’interno del territorio dal cratere sismico – si legge nella delibera regionale – prevedendo come naturale punto di partenza e arrivo la città natale dell’Imperatore». Da Ascoli a Treia, da Macerata a Fabriano, passando per Treia, Pollenza, Montecassiano e altri ancora, con l’aggiunta di quattro percorsi paralleli che coinvolgono anche i comuni dei Monti Sibillini, la città di Jesi rappresenta «un punto di riferimento per aiutare i territori colpiti dal sisma nella loro promozione».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.