Il nuovo Museo Archeologico verso l'apertura | | Password Magazine

Il nuovo Museo Archeologico verso l’apertura

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sarà inaugurato la prossima estate il nuovo Museo Archeologico che nascerà al piano terra di Palazzo Pianetti, nei locali che un tempo ospitavano il circolo dei Reduci. Lo storico edificio settecentesco diventerà così un unico polo culturale, capace di condurre il visitatore dalla sezione antichità del Museo Archeologico alla galleria di Arte contemporanea al piano superiore.

“Un intervento di altissimo livello che ha permesso di recuperare una bellezza inimmaginabile – è il commento del sindaco Massimo Bacci – Una nuova “perla” destinata ad impreziosire il patrimonio culturale di Jesi”.

Ammonta a circa 1 milione e 300 mila euro l’investimento complessivo per gli interventi di riqualificazione e l’acquisizione della nuova porzione del palazzo, rilevata dal condomino: “Un passaggio amministrativo non semplice ma necessario – ha riferito l’assessore alla Cultura Luca Butini, durante la conferenza stampa di ieri mattina ai cantieri – Finalmente dopo otto anni Jesi tornerà ad avere il suo Museo Archeologico, in ambienti recuperati”.

Dal periodo paleolitico all’età romana, il percorso espositivo sarà un viaggio tra circa 2 mila reperti provenienti da Jesi – aree urbane ed extraurbane, come i recenti ritrovamenti zone campo boario e fornace –  e dalla Vallesina, ammirabili da una passerella sospesa sopra un pavimento anch’esso archeologico, l’originale settecentesco, recuperato dopo la rimozione delle mattonelle posticce. Ad occuparsi dei lavori di progettazione e realizzazione lo Studio di Architettura Marcucci e Associati e Ikuvium, ditta di Gubbio, per il restauro dei beni culturali: “Ad aggiudicarsi l’appalto, le proposte economicamente più vantaggiose – ha spiegato l’Arch. Francesca Sorbatti degli uffici tecnici del Comune – Vista la delicatezza degli interventi, non abbiamo trascurato la qualità, data anche la supervisione della Soprintendenza Archeologica e dei beni culturali per la tutela di un immobile del XVIII secolo”.

Pavimentazione originale

Secondo quanto spiegato dall‘Ing. Paolo Marcucci, la riscoperta e l’analisi di alcuni “tasselli” avrebbe permesso di risalire alle colorazioni e alle caratteristiche degli ambienti dell’epoca.

“Sotto la tinteggiatura posticcia abbiamo trovato tracce della coloritura originale, riscontrando una situazione conservativa abbastanza buona” ha spiegato Raffaele Barocchi di Ikuvium.

È stato recuperato anche il porticato originale, con la riapertura delle arcate, l’installazione di contropareti in vetro e la riconfigurazione degli antichi spazi, un tempo destinati ad ospitare le scuderie del Palazzo. Prevista anche un’aula didattica.

L’ingresso del nuovo Museo sarà al piano terra di Palazzo Pianetti, dove sarà sistemata anche la biglietteria unica per accedere al polo.

“Un terzo dei 15 mila visitatori annui è costituito da studenti – fa sapere Romina Quarchioni, curatrice collezione di arte antica e moderna della Pinacoteca civica – Con l’apertura del nuovo polo, comprendente la sezione archeologica, puntiamo ad arrivare almeno a 20 mila”.

L’inaugurazione è prevista tra giugno e luglio.

Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.