Il Papa a Loreto: «La famiglia fondata sul matrimonio uomo-donna insostituibile»

ANCONA –  È voluto venire a Loreto proprio per la festa dell’Annunciazione, Papa Francesco,  nella Casa «dove Maria ha detto sì» e dove  ha celebrato messa,  per la prima volta dopo 162 anni da Pio IX. «E in questo Santuario – ha detto all’inizio del suo discorso dell’Angelus –  le parole dell’angelo Gabriele “rallegrati, piena di grazia”  risuonano in modo singolare».  Il Santo Padre ha salutato la folla radunata in Piazza della Madonna dove vi erano moltissimi giovani ad acclamarlo con canti e balli, dopo essere giunto a Montorso in elicottero e aver prima voluto sorvolare il territorio di Amandola e di altri comuni terremotati.  A Montorso è stato accolto, tra gli altri, dal Presidente della Regione, Luca Ceriscioli , che gli ha manifestato il  benvenuto nelle Marche.  «Il Papa ha voluto ribadire il valore di Loreto – ha commentato Ceriscioli  nel mondo della cristianità non solo riaffermando quello che è stato, ma immaginando progetti futuri. L’idea di un punto di riferimento internazionale per i giovani qui nel nostro territorio e nel contesto, ha per noi un enorme valore. Siamo molto soddisfatti di questa visita di Papa Francesco e del riconoscimento che significa».

Papa Francesco, dopo aver ricordato che «la Santa Casa è la casa dei giovani perché qui la Vergine Maria, la giovane piena di grazia continua a parlare alle nuove generazioni»,  in un successivo passaggio del suo discorso, infatti, ha detto: «Penso a Loreto come ad un luogo privilegiato dove i giovani possono venire alla ricerca della propria vocazione , alla scuola di Maria! Un polo spirituale a servizio della pastorale vocazionale. Auspico perciò che sia rilanciato il Centro “Giovanni Paolo II” a servizio della Chiesa in Italia e a livello internazionale, in continuità con le indicazioni emerse dal Sinodo».  Ha quindi invitato “caldamente” i Padri Cappuccini  a fare un ulteriore sforzo  «per estendere l’orario di apertura della Basilica e della Santa Casa durante la tarda serata e l’inizio della notte, quando ci sono gruppi di giovani che vengono a pregare e a discernere la loro vocazione».  Secondo Papa Bergoglio, inoltre, Loreto, anche per la sua posizione geografica centrale, «Si presta per diventare luogo di continuazione degli incontri mondiali dei giovani e della famiglia». E ha aggiunto: «Nella delicata situazione del mondo odierno, la famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna assume un’importanza e una missione essenziali. È necessario riscoprire il disegno tracciato da Dio per la famiglia, per ribadirne la grandezza e l’insostituibilità a servizio della vita e della società».

Nel momento dell’uscita e dei primi saluti sul sagrato della Basilica, il Papa aveva ricevuto alcuni doni gastronomici dagli studenti dell’Istituto alberghiero di Loreto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*